Bomba d’acqua su Macerata:
“Mi hanno evacuata,
ora non ho più niente”

MACERATA - L'appello di una maceratese di 51 anni che si è trovata l'appartamento allagato per il maltempo. Ora è ospite in una casa messa a diposizione da Servizi sociali e Caritas
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Via_Severini_36_Macerata_2

Il palazzo di via Severini dove fino alla scorsa settimana abitava Cristiana C.

di Gianluca Ginella

Il boato di un fulmine nelle prime ore di venerdì della scorsa settimana, poi si è trovata con la casa allagata ed è stata evacuata. Ora vive in un appartamento messo a disposizione dalla Caritas e dai servizi sociali di Macerata. I suoi amati gatti, invece, sono stati portati al canile di Montelupone. Protagonista di questa amara vicenda una maceratese di 51 anni, laureata e dipendente di un ente pubblico di Ancona. “Ho perso tutto” dice la donna. Sono le prime ore di venerdì della scorsa settimana, il giorno in cui su Macerata si è abbattuta una bomba d’acqua che ha creato enormi disagi in diversi comuni della provincia (leggi l’articolo). “Stavo dormendo, quel giorno non sarei andata la lavoro per un problema di salute – racconta la 51enne Cristiana C. –, quando c’è stato un tuono enorme e dopo ho sentito dentro casa un sibilo, ma siccome ero mezza addormentata, non mi sono alzata. Più tardi, verso le 6,45, come metto i piedi fuori dal letto mi sono accorta che nella mia camera l’acqua mi arrivava fino a metà polpaccio.

Via_Severini_36_MacerataDai sanitari del bagno fuoriuscivano le acque reflue. La casa era invasa dalle acque di scarico. Ma a questa si aggiungevano quelle che uscivano dalla tubature, che erano scoppiate quando avevano sentito il sibilo”. La 51enne vive al secondo piano sottoscala al civico 36 di via Severini, a Macerata. E a detta della 51enne, l’allagamento della sua casa sarebbe dovuto “ai tombini del terrazzo condominiale e del parcheggio dell’Apm, che da tempo non funzionano”. La donna, che in quella casa viveva da sola, insieme a tre micini, chiama i vigili del fuoco. Sul posto, oltre ai pompieri, interviene anche la polizia municipale. Dopo il sopralluogo “mi hanno detto che la casa non è agibile e sono stata evacuata. Ho perso tutto. I servizi sociali e la Caritas mi hanno dato un appartamento in via Martiri della libertà, pur se ne sono grata, il problema più grande è che mi hanno portato via i miei tre gatti, perché non ho un posto dove tenerli. Ora si trovano nel canile di Montelupone, e io non ho l’auto e per andare ad accudirli devo spendere 30 euro di taxi” dice Cristiana C., che fa un “appello a qualcuno che mi aiuti ad avere una casa per me e per i miei gatti, in attesa che venga ristrutturata la mia abitazione di via Severini. Io avevo come unica certezza il mio lavoro e questo appartamento piccolino e mi ritrovo che non ho più nulla”.

Alluvione_Mc_0

Gli allagamenti a Macerata della scorsa settimana (clicca sull’immagine per guardare il video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X