facebook twitter rss

Studenti in visita al campo di internamento del Palazzo Giustiniani Bandini

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
20 Condivisioni

Gli studenti in visita a Palazzo Giustiniani Bandini

Per non dimenticare, gli studenti delle classi 2a e 2b della Scuola Secondaria di I° di Urbisaglia, insieme ai loro professori, hanno visitato il Campo di Internamento nel Palazzo Giustiniani Bandini all’Abbadia di Chiaravalle di Fiastra. Fu questo uno dei primi campi di internamento allestito dal governo fascista al momento dell’entrata dell’Italia nella seconda Guerra Mondiale e rimase operativo tra il giugno 1940 e l’ottobre 1943. Gli internati alla fine di luglio del 1940 erano già un centinaio, di cui molti ebrei, ed erano soggetti a molte restrizioni: non potevano avere documenti personali perché ritirati, né strumenti che potevano offendere e apparecchi radio; non potevano eseguire lavori retribuiti, se non autorizzati. Alcuni di loro erano commercianti, pittori ed anche dottori e trascorrevano le giornate aiutando gli agricoltori nei lavori dei campi con la possibilità di intrattenersi nelle loro case per il pranzo. Durante la loro permanenza, alcuni internati hanno lasciato sulle pareti delle stanze alcuni disegni: una nave, una ragazza, dei caratteri morse, dei paesaggi, delle scritte.

Il 30 Settembre 1943 il Campo di Urbisaglia Bonservizi venne chiuso definitivamente e gli internati vennero trasferiti a Sforzacosta di Macerata e poi a Fossoli, in provincia di Modena e poi per Auschwitz, la soluzione finale. Si tratta di una testimonianza che forse pochi conoscono ma molto toccante. Gli studenti in visita, accompagnati dalle guide turistiche di Meridiana Srl Abbadia di Fiastra, hanno letto e commentato le scritte e i disegni degli internati sulle pareti e si sono emozionati ascoltando le storie di quelle persone, gli affetti che hanno lasciato, le speranze che avevano. Hanno fatto domande sul perché della guerra, sulle condizioni di vita che gli ebrei avevano e hanno cercato di capire le sofferenze che gran parte dell’umanità ha vissuto durante la Seconda Guerra Mondiale. Uno dei brani letti per ricordare le leggi razziali e la Shoah è stato il memoriale del dottor Paul Pollak, l’unico superstite tra gli internati del Campo di Urbisaglia, che scriveva : « Prima del mio soggiorno ad Urbisaglia ero stato in un campo di concentramento tedesco, e dopo Urbisaglia fui ad Auschwitz, dove potei parlare con deportati di quasi tutti i paesi europei e potei fare confronti sul destino e sul trattamento degli ebrei in altri paesi. Avevo sempre presente allo spirito il campo di Urbisaglia. Il trattamento umano dei suoi internati rimarrà sempre un attestato di lode per l’Italia e un documento della sua nobile antica civiltà e della sua sincera religiosità. Nelle ore grigie ed oscure di Auschwitz, abbiamo sempre visto davanti a noi, come un miraggio, il luminoso giardino di Urbisaglia in Italia, paese di sole e di buona gente ».

I disegni degli internati

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X