Anche un cassintegrato di Fabriano fra gli indagati per antisemitismo sul web

Digos sequestra bandiere con svastiche, opuscoli, cd e coltello
- caricamento letture

 

stormfront

(Foto della Polizia di Stato)

C’è anche un operaio cassintegrato di 50 anni Fabriano fra le persone perquisite nell’ambito dell’indagine sulla rete antisemita e nazifascista ‘Stormfront’. Si tratta dell’operazione condotta dalla Digos di Roma e dalla Polizia postale e coordinata dal pool antiterrorismo della procura di Roma. L’abitazione del cinquantenne (ex dipendente della Ardo) è stata perquisita da agenti della Digos di Ancona, in collaborazione con la Polposta. Sono stati equestrati bandiere con la svastica, croci di ferro, opuscoli di propaganda (in lingua italiana) e vario materiale storico e informatico, che ora verrà analizzato dagli specialisti della Polizia postale, oltre a un grosso coltello da caccia.

Fino ad oggi l’uomo non era conosciuto come simpatizzante dei movimenti dell’ultradestra italiana, e non ha precedenti di polizia. Nella sua abitazione anche numerosi libri di storia, di cui il cassintegrato si è dichiarato un grande appassionati, rifiutando ogni accusa di essere un filonazista.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X