Bomber Api avvisa il Matelica
“Non sottovalutiamo la Cingolana”

ECCELLENZA - L'attaccante dei biancorossi parla del testa-coda: "Pensare che possa essere una partita scontata è il più grande errore che possiamo fare"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Daniele Api del Matelica

di Sara Santacchi

Il Matelica, dopo nove giornate dall’inizio del campionato d’Eccellenza, si ritrova in vetta alla classifica con 25 punti, sui 27 a disposizione, maturati grazie a 8 vittorie e un pareggio. Non solo. La squadra di mister Spuri Forotti può vantare anche la migliore difesa del torneo, con solo 3 reti subìte (come la Fermana) e il miglior attacco con 19 gol messi a segno. Un merito, dunque, che non solo va riconosciuto alla retroguardia, ma anche alla zona offensiva. Ad onor del vero sono diversi i giocatori che sono riusciti ad andare a segno in diverse occasioni, ma, uno su tutti è l’attaccante Daniele Api, in questo momento capocannoniere del campionato d’Eccellenza.

Api, oltre a poter gioire della sua squadra, lei è anche in cima alla classifica dei marcatori…
«Si, è una bella soddisfazione, anche perché è inaspettata. Non mi aspettavo di tornare in Eccellenza e sono soddisfatto anche se si può sempre migliorare e, come dice anche il presidente, non bisogna mai adagiarsi sugli allori».

Sei arrivato quest’anno al Matelica, ma sembra essersi creato un buon gruppo, giusto?
«A mio avviso per poter fare bene, la prima cosa è proprio il gruppo e penso che la forza del Matelica sia proprio questa. Ricordo che il primo giorno di preparazione si parlo proprio di questo come primo obiettivo perché è fondamentale in una squadra».

E riguardo all’ultimo arrivo l’attaccante Saffolani, cosa pensi?
«Innanzitutto non mi sento assolutamente in competizione con lui, anzi, lo ammiro molto e senz’altro è un ottimo giocatore, anche perché se non si hanno determinate qualità è difficile riuscire a giocare ai livelli in cui è stato. Penso che sia una bella persona e non nego che dal punto di vista tecnico possa imparare qualcosa in più anche io da lui perché lo spazio per migliorarsi non ha età».

Qual è stata la vittoria più bella finora?
«Tutte. Per me ogni domenica è speciale se riusciamo a portare a casa una vittoria e da parte mia c’è sempre un grandissimo entusiasmo, qualunque avversario vi sia dall’altra parte».

Nel prossimo turno ci sarà la Cingolana, come l’affronterete?
«Io credo che pensare che possa essere una partita scontata è il più grande errore che possiamo fare. L’affronteremo innanzitutto con massimo rispetto nei confronti dell’avversario perché è la prima cosa da fare. Poi, sicuramente, come dobbiamo dato che non stiamo a guardare le posizioni in classifica, né consideriamo l’avversario in base a questo».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X