Tra Pievebovigliana e Fiordimonte,
voglia di rinascita e turismo

SETTIMA PUNTATA DEL VIAGGIO IN PROVINCIA DI CM - Se la legge lo consentirà i due Comuni verso l'unione. Il paesaggio, la natura e l'arte sono le ricchezze di un territorio che lotta contro lo spopolamento
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email


pievebovigliana-fiordimonte

 

comuni-unitidi Monia Orazi

Solo tre chilometri separano le sedi comunali di Pievebovigliana e Fiordimonte, due paesi diversi tra loro, ma sempre più convinti che l’unione fa la forza. Il progetto per diventare unione di comuni è già stato avviato, ma insieme i due centri raggiungono un migliaio di abitanti, mentre la legge ne prescrive almeno tremila. In attesa dell’evoluzione sul fronte normativo, si stanno mettendo in comune i servizi, come il vigile urbano ed il trasporto scolastico, di recente anche l’isola ecologica. Pievebovigliana punta tutto sul turismo. Da anni è oggetto di un progetto pilota per lo sviluppo della fruizione turistica, firmato dal prof.Calafati dell’Università politecnica delle Marche e finanziato dalla Camera di Commercio di Macerata con la Fondazione Carima. Una nuovissima guida sulla splendida chiesa di San Giusto a San Maroto, è appoggiata sulla scrivania del primo cittadino Sandro Luciani.

luciani-1-300x211

Sandro Luciani (Sindaco di Pievebovigliana)

“Abbiamo partecipato alla borsa italo tedesca del turismo che si è svolta a Kassel, in Germania – racconta il sindaco – ottenendo un risultato strepitoso. Sono state presentate non solo Pievebovigliana, anche Fiastra, Visso e Tolentino. Ho già ricevuto richieste da diverse persone che, anche a nome di gruppi e associazioni culturali, vogliono approfondire i possibili itinerari turistici nel nostro territorio”. In paese sono disponibili ben 140 posti letto in agriturismi e strutture ricettive, un numero da record in rapporto alla popolazione, pari al venti per cento. A giugno per i gestori delle strutture ricettive ci sarà un corso di aggiornamento, richiesto dal sindaco, per migliorare la loro professionalità nell’accoglienza turistica.

IMG_1975bis-300x224

 

 

Un grande cartello all’ingresso del paese annuncia che è diventata “Città del miele”, con circa 700 alveari presenti, circa 35 gli addetti a questo lavoro. In progetto c’è di costituire un centro di documentazione orale, una pista ciclabile sulla sponda del lago di Polverina, la proposta di organizzare una giornata di festa per i comuni del Parco dei Monti Sibillini.
luciani-3-300x172


fiordimonte

 

 

 

 

 

A pochi chilometri di distanza diversi nuclei abitati sparsi lungo Valle Alfi, Valle Senza e Valle di Macereto, formano quello che urbanisticamente è riconosciuto come un unico comune, Fiordimonte. Un piccolo record a suo modo l’amministrazione comunale lo ha già conseguito, il prossimo 23 giugno quando si discuterà il bilancio preventivo, tasse ed imposte resteranno invariate, senza aumenti, in netta controtendenza rispetto al resto d’Italia. Sulla piazzetta accanto al comune fervono i preparativi, si sta per inaugurare il prossimo 16 giugno il bar che sarà gestito da un cittadino di Pievebovigliana.

citracca

Massimo Citracca (Sindaco di Fiordimonte)

Tra le carte sulla scrivania del sindaco Massimo Citracca c’è anche il bando per la nuova farmacia. “Tra le positive novità introdotte dal governo Monti – ricorda il primo cittadino – c’è la possibilità di aprire nuove farmacie e noi abbiamo presentato richiesta. Noi mettiamo a disposizione i locali, aspettiamo che qualcuno presenti richiesta, sarebbe già molto importante che restasse aperta anche due giorni a settimana”. La vita tra questi piccoli borghi è dura, lo spopolamento colpisce duro, anno dopo anno resta sempre meno gente, ma si prova ad invertire la tendenza. I pochi giovani che ci sono si danno da fare, la Pro Loco è molto attiva e organizza ad agosto la partecipatissima Sagra degli Arrosticini. “Abbiamo dato in gestione il bar per invertire la tendenza, puntiamo a dare tutti i servizi che possiamo alla popolazione, specie agli anziani, per questo ringrazio i dipendenti comunali, che fanno il loro lavoro con passione, oltre le proprie competenze, mettendosi a servizio della comunità”, spiega il sindaco Citracca. Molto attiva l’azienda faunistico venatoria Valle di Fiordimonte, ora a gestione privata con la stagione venatoria in autunno e ad Alfi, quello che definisce “Principato”, portato avanti dalla battagliera principessa Yasmin von Hohenstaufen, non riconoscibile a livello ufficiale. 
 
  luciani-2-300x185  
  pievebovigliana-2-300x166   pievebovigliana-3-300x169   pievebovigliana-4-300x166   pievebovigliana-5-300x192   pievebovigliana-6-300x224   pievebovigliana-7-300x220pievebovigliana-8-300x227   pievebovigliana   



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X