Basket, altra sconfitta della Naturino
A Civitanova vince Fossombrone

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

È un suicidio in piena regola quello di una Naturino encomiabile per 39 minuti. I civitanovesi, privi di Cernivani e Temperini, giocano una partita di cuore contro Fossombrone, sopperiscono alle uscite di Frascione (colpo alla caviglia) Principi e Foresi (falli) ma con un ultimo minuto scellerato gettano alle ortiche due punti che sarebbero stati vitali. È l’ottava sconfitta consecutiva, un ko che tiene la Virtus in quart’ultima piazza con 14 punti. Peccato, perché una vittoria sarebbe stata meritata ed ampiamente alla portata contro una Remet che, senza Nardi, è parsa tutt’altro che trascendentale. Avvio contratto da entrambe le parti. Dopo 2 minuti di nulla, Frascione sblocca la Naturino dalla lunetta. Cervellini mescola zona e uomo, in attacco ordina un gioco molto interno ma, dopo il 6-2 iniziale, la Remet si assesta e prende il comando con un break di 0-10 (6-12 al 6’). Un gioco da 3 punti di Principi ed una tripla di Baldoni rimettono però in carreggiata la Naturino, che con un tiro libero del lungo anconetano opera il controsorpasso (13-12 all’8’). L’attacco però si inceppa e concede un nuovo parziale di 0-6 agli ospiti, che chiudono il primo quarto avanti di 5 (13-18). Un jumper di Tessitore apre il secondo periodo, ma i ragazzi di coach Cervellini non trovano continuità in attacco, subendo poi la fisicità di Perini (13 rimbalzi alla fine) vicino a canestro. La difesa, però, serra le maglie, Gennari e Frascione colpiscono nel pitturato e la Naturino costruisce un parziale di 10-0 che riporta i civitanovesi avanti di 4 (25-21 al 16’). La Remet, a secco dal campo per oltre 7’, muove il punteggio solo grazie a qualche generoso fallo concesso dalla coppia arbitrale, ma la Virtus non fa meglio e così l’equilibrio permane: 29-30 il parziale di metà gara. La difesa civitanovese continua a lavorare con attenzione estrema e Fossombrone soffre tantissimo per arrivare a canestro. Così, anche se l’attacco civitanovese gira solo a sprazzi, Tessitore e compagni restano aggrappati al match. Anche quando, a metà quarto, Principi si becca un tecnico che è anche il suo quinto fallo. Un canestro e fallo di Barantani ed una tripla di Paci fanno vacillare i padroni di casa (40-45 al 27’), che però tengono botta chiudendo solo a -4 (44-48). La partita diventa vibrante nell’ultimo periodo, nonostante le percentuali restino pessime da ambo le parti. Frascione impatta sul 52-52 dalla lunetta a 7’ dalla sirena, ma poco dopo è costretto a lasciare il campo per un colpo alla caviglia. Un tiro libero di Baldoni vale, poco dopo, anche il sorpasso (55-54) ma nel frattempo arriva anche il quinto fallo di Foresi. La Naturino è ridotta all’osso, ma con un paio di invenzioni di Baldoni, Tessitore e Ferraro tocca anche il +4 (65-61 a 2’ dalla sirena). Un arresto e tiro di Fabi e un gioco da tre punti di Puleo valgono il controsorpasso degli ospiti sul 65-66 a 58” dalla sirena. L’azione civitanovese dura ben 40”, con 3 rimbalzi offensivi civitanovesi su altrettanti errori al tiro virtussini. Il momento decisivo arriva a 14” dalla fine. Baldoni va in lunetta con 2 tiri liberi, li sbaglia entrambi, la Naturino non riesce nemmeno a fare fallo per fermare il cronometro e la gara finisce con un’altra amara sconfitta.

il tabellino:
NATURINO CIVITANOVA – REMET FOSSOMBRONE 65-66 (13-18, 29-30, 44-48)
NATURINO: Caldarelli 6, Tessitore 4, Acquaroli ne, Baldoni 15, Frascione 15, Ferraro 4, Foresi 4, Squadroni ne, Principi 3, Gennari 10. Allenatore: Carlo Cervellini
REMET: Mancinelli 2, Fabi 8, Gotti 2, Bloise 2, Barantani 10, Perini 16, Paci 12, Puleo 14, Pedana ne, Korkari ne. Allenatore: Carlo Renzi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X