Sorride la Naturino
Ravenna cede 71-67

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

naturino-ravennaSi apre nel migliore dei modi il 2012 casalingo della Naturino Sapore di Mare, che supera a domicilio la lanciatissima Acmar Ravenna per 71-67. Un Cernivani in stato di grazia (31 punti e 6 rimbalzi) e la netta supremazia a rimbalzo (45-27 il computo totale, 16 le carambole offensive civitanovesi) mascherano i passaggi a vuoto di una Virtus che manca di continuità ma che con grande grinta sopperisce all’assenza dell’infortunato Temperini (sospetto stiramento al collaterale). I primi minuti sono tutti di marca civitanovese. Due triple di un caldissimo Cernivani (10 punti nei primi 7 minuti) lanciano una Naturino pimpante in attacco fino al +8 (20-12 al 6’). Ravenna, priva del suo playmaker Davolio, alza però il ritmo, si rifugia nella zona 2-3 e torna in partita sul finire del primo periodo (21-19). Cinque punti in fila di Amoni portano Ravenna a sorpassare in apertura di secondo periodo (23-26 al 12’), due canestri di un Foresi brillante tengono a galla la Virtus nel suo momento peggiore ma la partita resta combattuta e vibrante. Cernivani e Caldarelli da un lato, Amoni e Zambrini dall’altra ispirano i rispettivi attacchi e al riposo lungo (durante il quale sono state presentate le squadre Under 13 e Under 14 di coach Attilio Busini) si va sul +3 per la Naturino (40-37). Nel secondo tempo è di nuovo Caldarelli a suonare la carica: palla recuperata e assist al bacio per Gennari riportano la Virtus a +7 (48-41 al 23’), ma la Acmar risponde con un break di 2-12 che inverte completamente l’inerzia del match, costringendo coach Cervellini il time out (50-53 al 27’). Quattro tiri liberi del solito Cernivani ridanno ossigeno alla Naturino, poi la tripla di capitan Tessitore chiude un 7-0 che consente a Civitanova di chiudere il quarto al comando (57-53). Ravenna riprova a tamponare l’emorragia con la 2-3, fin lì indigesta alla Naturino, ma i problemi degli ospiti sono in attacco. Per 6 minuti i romagnoli non trovano la via del canestro, ma Civitanova non ne approfitta in pieno, arrivando solo al +8 (61-53 al 34’). Barbieri e Quartieri tengono in vita gli ospiti, la Virtus salva coi rimbalzi d’attacco i tanti errori dall’arco, ma a 3’ dalla sirena, Ravenna è ancora lì (64-61).  Sembra di rivivere il film visto a Montegranaro tre giorni fa, con i civitanovesi a lungo a condurre ma senza riuscire a dare il colpo di grazia. Stavolta il finale, però, è diverso. L’1/2 dalla lunetta di Caldarelli a 24” dalla sirena mette due possessi di distanza tra le due compagini (69-65), Amoni accorcia a -2 con il suo 2/2 dalla linea della carità (69-67 a 14” dalla conclusione), anche Cernivani fa 1/2, lasciando la porta aperta ai gialloneri (70-67 con 8” da giocare). Il lucido fallo di Tessitore su Amoni impedisce allo stesso il tiro da 3 del possibile pareggio, poi il lungo ravennate da 0/2 dalla lunetta, Gennari strappa il rimbalzo e subisce il fallo. A 2” dalla sirena, il pivot pesarese fa anche lui 1/2 ai tiri liberi, ridando così due possessi di vantaggio alla Naturino, che chiude così in bellezza il girone di andata. Un buon viatico per Tessitore e compagni, che sabato prossimo potranno andare a Corno di Rosazzo con minor pressione.

NATURINO CIVITANOVA – ACMAR RAVENNA
NATURINO: Caldarelli 9, Cernivani 31, Tessitore 3, Acquaroli ne, Baldoni 9, Frascione 5, Ferraro ne, Foresi 4, Principi, Gennari 10.
ACMAR: Filattiera 8, Zambrini 4, Amoni 15, Frigoli 5, Barbieri 17, Morigi ne, Delvecchio ne, Sanlorenzo 2, Quartieri 16, Bosio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X