Minaccia di uccidersi per amore
Ritrovato nel suo letto dopo ore di ricerche

Un amico con il quale il ragazzo di Apiro si era confidato ha dato l'allarme. Carabinieri, Vigili del Fuoco e sommozzatori temevano che si fosse buttato nel lago
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

carabinieri_vigili_del_fuocodi Alessandra Pierini

“Senza di lei la mia vita non ha più senso”: disperato per la fine del rapporto con la fidanzata, ha lasciato intendere a un amico di voler togliersi la vita e per qualche ora è scomparso, mobilitando decine di persone per le ricerche quando in realtà, forse avendo assorbito il colpo meglio di quanto temesse, stava dormendo come un ghiro al calduccio nel suo letto.  E’ successo ieri sera tra Cingoli e Apiro. Un ragazzo sulla trentina si è confidato con un conoscente raccontandogli quanto gli era accaduto. Pene d’amore che lasciano aperte ferite non rimarginabili secondo il suo racconto: l’interruzione del suo fidanzamento non gli avrebbe consentito di riprendere una vita normale senza la partner accanto. Unica soluzione prospettata nelle sue confidenze all’amico quella di farla finita, magari buttandosi nel lago. Finito lo sfogo, il giovane si è poi allontanato ed è diventato irreperibile. L’amico ha tentato di rintracciarlo ma senza esito. Così, comprensibilmente preoccupato, intorno a mezzanotte ha dato l’allarme ai carabinieri che, ascoltato il racconto, sono subito intervenuti dando il via alle ricerche.  Sono stati allertati anche i Vigili del Fuoco, in particolare il corpo dei sommozzatori, per essere pronti ad ogni evenienza laddove ci fosse stata l’esigenza di dragare il vicino lago. Insomma una vera task force alla ricerca del povero ragazzo così profondamente ferito nei sentimenti. Dopo un paio d’ore di ricerche, senza alcun esito, però, il ragazzo è stato rintracciato a casa  mentre dormiva comodamente nel suo letto e non si era affatto accorto di quanti si stavano preoccupando per lui. Insomma prima di prendere la definitiva decisione di mettere fine ai suoi turbamenti in maniera tanto atroce, aveva deciso di affidarsi ad una bella dormita per riflettere a mente lucida. Una storia, per fortuna a lieto fine, ma che ha tenuto impegnate decine di persone per diverse ore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X