Paracadutismo: il maceratese Canullo
fa volare l’Italia a Dubai

SPORT ESTREMI - Il trentottenne di San Ginesio racconta la bella esperienza: "Gareggiare con la maglia della nazionale è sempre qualcosa di speciale"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Andrea-Canullo

La squadra del "Sei 1 Zero". Da sinistra Giorgio Mancini, Alessandro Anderlucci, Roberto Mancini e Andrea Canullo. In basso Maurizio Salvucci

di Andrea Busiello

Grande soddisfazione a San Ginesio per Andrea Canullo. Infatti, il paracadutista di casa nostra (nella vita fà l’istruttore di guida) ha gareggiato con la maglia della nazionale italiana a Dubai dal 29 novembre al 10 dicembre nella competizione internazionale che si svolge ogni anno. Ottimo il risultato conseguito dai cinque atleti: è arrivato un ottavo posto che non può far altro che rendere felice lo stesso Canullo: “Arrivare ottavi su 43 nazioni partecipanti è stata una bella soddisfazione. Abbiamo vissuto un’esperienza bellissima. Gareggiare con la maglia della nazionale è sempre qualcosa di speciale”. Quando chiediamo quanto impegno c’è dietro questo sport, la risposta è chiara: “Almeno un week end al mese mi alleno a Fermo con la mia squadra che si chiama “Sei 1 Zero” però non è facile conciliare gli impegni del lavoro con il paracadutismo”. Nella competizione svoltasi negli Emirati Arabi il primo posto è andato alla Francia, il secondo al Belgio ed invece sul gradino più basso del podio gli Stati Uniti.

Sei-uno-zero



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X