Elfa e Serralta pareggiano
nel nome di Alberto Eleonori

Il presidente della squadra tolentinate, prematuramente scomparso a 49 anni il 24 novembre, è stato ricordato prima dell'inizio della partita con un omaggio floreale alla famiglia e con uno striscione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

conf-stampa-003-300x225

di Roberto Scorcella

Non è stata una partita come le altre. Non poteva esserlo. La prima dell’Elfa in casa dopo la prematura scomparsa del presidente di sempre Alberto Eleonori aveva un valore importante per la classifica, ma doveva anche essere un omaggio a una persona che ha dedicato buona parte dei suoi 49 anni alla crescita del calcio dilettantistico a Tolentino, fondando nel 1990 una nuova società e dandole il nome della sua azienda. Elfa e Serralta hanno onorato la memoria di Alberto Eleonori dando vita a una bella partita, intensa agonisticamente ma mai cattiva, conclusasi con un pari che, alla fine può star bene ad entrambe le formazioni. Con il punto conquistato al Ciommei il Serralta interrompe una impressionante serie di sette vittorie consecutive ma si installa solitario in vetta alla classifica. L’Elfa invece si consolida in zona play off dove sognare è sempre lecito.

Prima della partita, in un clima di grande commozione, le due squadre si sono fermate davanti a una gigantografia del presidente e il capitano dell’Elfa ha omaggiato la moglie di Alberto Eleonori e i tre figli con un dono floreale. Poi, quando si sono schierate al centro del campo, i ragazzi dell’Elfa hanno srotolato una striscione con scritto “Ciao presidente” salutato dagli applausi delle tante persone accorse al Ciommei malgrado l’orario e il freddo. Da lì in poi è stato calcio, calcio vero, dove la posta in palio è di quelle importanti.

Avvio di partita guardingo da parte di entrambe le compagini, ma il risultato si sblocca al 25′, quando Bentivogli inventa una girata di destro che fulmina l’ex Sorichetti e insacca il gol del vantaggio. Per Bentivogli è l’ottavo gol in tredici partite: bottino decisamente niente male. La reazione del Serralta è immediata e dopo pochi secondi Clemente a due passi da Scarpacci ha a disposizione una gigantesca palla gol che, però, spreca malamente calciando sul fondo. La sfuriata del Serralta si esaurisce qui e l’Elfa controlla il risultato senza troppi patemi fino alla fine del primo tempo.

Il Serralta che si ripresenta in campo ad inizio ripresa è un’altra squadra. I ragazzi di Biciuffi spingono subito alla ricerca del pari e chiudono l’Elfa nella sua metà campo. Il gol del pari è nell’aria e arriva, rocambolescamente, al 55′. Piccioni si incarica di calciare una punizione dalla tre quarti. Il suo sinistro beffardo, con la traiettoria spostata dal vento, tocca il palo della porta dell’Elfa prima di carambolare addosso a Scarpacci e terminare in rete. Il Serralta vede l’Elfa in difficoltà e continua a spingere: la squadra di Biciuffi sembra fisicamente più in palla di fronte a un’Elfa che, invece, palesa segnali di stanchezza. La squadra di Mancini, però, si difende con ordine e, anzi, in un paio di occasioni rischia di portarsi in vantaggio ma una volta è Sorichetti a dire di no con un balzo felino, mentre nella seconda occasione il tiro di Bentivogli viene contrato dal corpo di un difensore. Il tempo di annotare al primo minuto di recupero l’ingenua espulsione di Clemente (rosso diretto) per proteste e il signor Mozzoni di San Benedetto manda tutti negli spogliatoi. Quegli spogliatoi dove, da ieri sera, non risuonerà più il vocione di Alberto Eleonori ma dove il suo ricordo sarà sempre presente.

il tabellino:

Elfa: Scarpacci M, Paciaroni D., Battellini, Domizi, Palmucci, Paciaroni R. (75′ Prosperi), Lorenzi, Ciarlantini, Bentivogli, Palmieri (65′ Tiberi), Piccioni (85′ Ceregioli). All. Mancini. A disposizione: Cantenne, Fefè, Feliziani, Corvatta.

Serralta: Sorichetti, Palazzesi, Scarpacci, Piccioni, Carbone, Natali, Gigli (62′ Marrocchi), Maccioni, Sfrappini (88′ Alessandrini), Clemente, Dignani (74′ Cocci). All. Biciuffi. A disposizione: Appignanesi, Montemarani, Giorgi, Zenobi.

Arbitro: Mozzoni di San Benedetto

Marcatori: Bentivogli (E) al 25′, Piccioni (S) al 55′

Note: espulso al 91′ Clemente (S) per proteste



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X