Recanatese, Patrizi guarda avanti:
“Non abbiamo paura di nessuno”

SERIE D - Il difensore leopardiano è il bomber della squadra con due reti realizzate. Domenica per la truppa di mister Omiccioli la trasferta di Trivento
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Patrizi

Il difensore della Recanatese Luca Patrizi

di Mauro Nardi

Ancora una volta è stato un gol proveniente dalle retrovie a regalare il successo alla Recanatese. Dopo il colpo di testa vincente di Matteo Di Marino che ha consentito di espugnare il campo del Luco Canistro, è arrivato un altro stacco aereo che ha regalato i tre punti contro l’Atessa Val di Sangro. A spingere la palla in fondo al sacco questa volta ci ha pensato Luca Patrizi la cui inzuccata si può definire degna del miglior bomber di razza. “Un gol piu’ importante che bello – minimizza il difensore giallo – rosso classe ’89, al suo secondo centro in sei partite – sul calcio d’angolo di Marchetti sono partito da lontano e ho trovato il tempo e la forza giusta per spedire la palla in fondo al sacco. E’ stato un gol importante perchè ci ha consentito di sbloccare una partita nella quale abbiamo trovato un pò di difficoltà. L’Atessa si è dimostrata una squadra di tutto rispetto e ci ha creato qualche grattacapo sopratutto nel primo tempo. Poi, nel secondo, siamo scesi in campo con piu’ convinzione e sono arrivati questi tre punti, fondamentali in vista di un trittico di incontri molto impegnativo.

Patrizi, senza ombra di dubbio domenica scorsa è stato il migliore in campo. Oltre a sbloccare il risultato ha anche salvato un gol sulla linea..

“Mancavano pochi minuti alla fine e sugli sviluppi di un calcio di punizione la palla stava per infilarsi in rete, anche a causa del vento che ne ha modificato la traiettoria. Era diretta sul secondo palo ma per fortuna nostra sono riuscito ad intercettarla. Senza ombra di dubbio è stata una domenica felice anche sotto il profilo delle soddisfazioni personali”.

A cambiare la partita nel secondo tempo è stato l’ingresso dell’under Agostinelli. E’ d’accordo?

“Sicuramente. E’ un giocatore dalle grandi qualità e le sta dimostrando ogni qual volta viene chiamato in causa dal mister. E’ molto bravo con la palla e fa della tecnica e della corsa le sue armi migliori. E’ una vera spina nel fianco per ogni difesa e ora che ha superato le difficoltà del passaggio dalla juniores alla prima squadra sono sicuro che continuerà a far bene e troverà anche molto piu’ spazio”.

Domenica si sono contati ben cinque recanatesi in campo, questo può rappresentare un arma in piu’?

“E’ ormai qualche hanno che giochiamo assieme. Con Moretti, Zannini, Torregiani e gli altri siamo lo zoccolo duro di questo organico e siamo fieri di farne parte. Cerchiamo di mettere in campo tutto quello che abbiamo e anche di piu’, per i tifosi che ci seguono ovunque e sono meravigliosi, per la società che non ci fa mancare nulla e per una città che cerchiamo di onorare ogni domenica”.

Con due gol sei il cannoniere della squadra assieme a Marchetti. L’assenza di Chicco è meno traumatica del previsto?

“Quando rientrerà dall’infortunio passerà lui al comando della classifica cannonieri, di questo ne sono piu’ che sicuro. Lo attendiamo con una certa impazienza ma nel frattempo ci affidiamo ad altre soluzioni per andare in gol. Non abbiamo punti di riferimento specifici e i gol arrivano anche dalle retrovie e dalle punizioni. Sono delle frecce in piu’ al nostro arco”.

Domenica in casa del Trivento, poi Ancona e Vis Pesaro al Tubaldi. I tifosi sognano..

“Giocheremo queste partite a testa alta come abbiamo sempre fatto. Non abbiamo paura di giocare in campi difficili come quello di Trivento o contro corazzate come l’Ancona. Ovunque tentiamo di imporre il nostro gioco anche se dobbiamo migliorare l’approccio alle partite casalinghe. Anche domenica, nel primo tempo, abbiamo sofferto e con il mister stiamo lavorando per capire i motivi di queste difficoltà che incontriamo in casa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X