La Maceratese con questi tifosi
può davvero sognare

SOMMA ALGEBRICA - Splendida la cornice di pubblico all'Helvia Recina dove i biancorossi sono stati incitati dal primo all'ultimo minuto
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

somma-algebrica

di Enrico Maria Scattolini

ARBITRI (-) Se la classe arbitrale italiana non brilla a livello assoluto (lo dico anche da interista), non bisogna evidentemente attendersi più di tanto da quella dell’Eccellenza. Tuttavia resta indigesta la pietanza domenicale della severità dei direttori di gara nei confronti della Maceratese in quest’avvio di campionato. Una caterva di cartellini gialli (addirittura cinque nel derby con la Fermana) che hanno prodotto, come primo risultato, la squalifica di Carboni e la diffida di Bucci.

CARBONI  Centrocampista di grande qualità e quantità (+), ma anche troppo facile alle ammonizioni (-), la cui sommatoria (4) ha provocato diffida e successivo stop nell’impegno di ieri con il Fossombrone. Da tener presente che il medesimo ha sinora disputato quattro incontri ed un tempo (Senigallia). Un autentico guinness dei primati, singolare per un giocatore della sua esperienza e così importante per un reparto che non ha molte alternative, a differenza della difesa e dell’attacco.

GIANDOMENICO  Meriterebbe la lode per la sua classe in rapporto al livello del campionato in cui è impegnato, ma non so come esprimerla in termini algebrici. Il problema è la sua condizione fisica, che non l’ha mai sostenuto alla perfezione negli ultimi campionati ed anche quest’anno è riaffiorata, nella sua negatività, con il riproporsi del disturbo ad un polpaccio. Tanto da consentirgli soltanto piccoli scampoli di partite. Stanno emergendo perplessità ed anche malumori nella tifoseria. Io dico che bisogna pazientare, perché: a) Giandomenico potrebbe essere la carta vincente, una volta in forma; b) ha una gran voglia di rifarsi; c) gode dell’assoluta fiducia dell’allenatore e dei suoi compagni. Deve essere quindi aiutato a superare questo periodo negativo, che potrebbe avere più valenza psicologica che fisica. Poi si vedrà alla riapertura delle liste di dicembre. Un + di stima.

DI FABIO (+) Per la modestia, oltre che per la bravura (anche se non sempre, come più volte sottolineato, le sue idee sono collimanti con le nostre). A Senigallia lo elogiai per aver cambiato l’inerzia dell’incontro con l’innesto di Carboni nel secondo tempo. Lui si schermì, quasi sottraendosi alla domanda. Stesso copione ieri, nell’intervista del dopo partita con il Fossombrone. Io: ”Mossa vincente, nella girandola di cambi della ripresa, lo spostamento di Arcolai nel traballante centrocampo e l’inserimento nell’attacco a tre di De Marco, autore dell’eurogol vincente”. Lui, imperturbabile e quasi… scontato: ”Era evidente che qualcosa dovevo fare per i tre punti. Tutti gli allenatori ci avrebbero provato”. Ed io: “Non è detto che l’avrebbero azzeccata come lei”. Di Fabio glissa, ma percepisco un lampo di soddisfazione sotto la sua abbronzatura. Prima o poi, conoscendomi, qualche critica verrà fuori. Allora vedremo se il mister biancorosso se la caverà con la stessa nonchalance.

CAMPO DI CASCINARE (-) Sembra proprio inadatto (allocazione e dimensioni) per Elpidiense-Cascinare-Maceratese di domenica prossima. L’una con il vento in poppa, l’altra capolista. Al di là del fatto tecnico, diversi altri sono gli ingredienti trilling di questa partita: a) Cicchi, Cacciatore, Bucci e Giandomenico (però quasi sicuramente assente per infortunio), l’anno scorso protagonisti dello strepitoso campionato della formazione calzaturiera, sono ora il primo dirigente e gli altri giocatori della Maceratese; b)Romagnoli, da tempo immemore difensore biancorosso, gioca attualmente terzino nei ranghi avversari; c) Roberto Agostinelli, ex direttore sportivo maceratese nella tribolata stagione 2010-2011, è passato armi e bagagli nella sponda rivale. E poi, per concludere, negli ambienti calcistici cittadini circola, con insistenza, il sospetto dell’…apostasia di tradizionali vip della tifoseria biancorossa, che recentemente avrebbero seguito Agostinelli nell’altro versante. Tutta benzina sul fuoco del tradizionale /sano agonismo fra le due contendenti. Non sarebbe allora il caso di spegnerla spostando l’incontro dalla “fossa dei leoni” di Cascinare al più attrezzato stadio di Sant’Elpidio a Mare?Ma non prendete questa mia (timida) proposta per fifa!

TIFOSERIA BIANCOROSSA (+) Splendida ieri pomeriggio all’Helvia Recina, grazie all’accurata regia della “Sportiva”e della ….dottoressa Tardella..Non solo per la massiccia presenza in tribuna, ma anche per quella capacità di sostenere i giocatori biancorossi nei momenti di difficoltà, che non sono mancati, di cui avevo perduto memoria. Ho avuto modo di scrivere che il vento sembra cambiato per la squadra; credo che ciò stia accadendo anche per i suoi sostenitori. D’altra parte i due fenomeni sono sinergici. La controprova di questa ritrovata passione a Sant’Elpidio a Mare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X