Emma Marcegaglia all’Abbadia:
“Siamo stufi di un Paese che va a rotoli”

Il presidente nazionale di Confindustria ha parlato all'Assemblea annuale dei soci di Macerata
- caricamento letture
V4D0550-300x212

Il presidente di Confindustria Macerata Nando Ottavi saluta Emma Marcegaglia

di Lucia Paciaroni

(fotoservizio di Guido Picchio)

 

Determinatezza e decisione non lasciano mai il discorso di Emma Marcegaglia, interrotto diverse volte dagli applausi dei partecipanti. E’ stata una due giorni tutta marchigiana per il Presidente Nazionale di Confindustria, che questa mattina ha parlato all’assemblea annuale dei soci all’Abbadia di Fiastra, dopo aver incontrato gli imprenditori di Ascoli e Fermo.

Tantissimi i temi trattati in un intervento chiaro sul difficile momento vissuto dalle imprese, puntando il dito contro alcuni aspetti della politica. “I due problemi principali sono l’altissimo debito pubblico e il tasso di crescita troppo basso – ha detto – Sta per essere approvata una manovra pesante che porta tutti a fare dei sacrifici ed è inaccettabile non intervenire sui costi della politica. Dobbiamo fare la voce alta e dire che siamo arrabbiati, un pezzo d’Italia fa sacrifici, mentre gli altri si tirano indietro”. Altro punto toccato quello delle privatizzazioni e liberalizzazioni: “Chiediamo più liberalizzazioni, se ci fossero, il nostro tasso di crescita potrebbe aumentare. Speravo che tutti dimostrassero il senso del bene comune, ma non sta succedendo. A pagare sono sempre i soliti noti”.

V4D0711-300x199

Roberto Massi Gentiloni Silverj con la Marcegaglia

E ancora, parla di internalizzazione: “Ho parlato con molti imprenditori che non vendono più in Italia perché non paga nessuno ed esportano al settanta-ottanta per cento. Non esiste un sistema di promozione che funzioni, né un coordinamento. Abbiamo proposto una rete unica, mettendo un pezzo di promozione sotto l’ambasciata, ma non è stato approvato. Prevalgono le logiche di protezione e di clientele”.

La Marcegaglia ha espresso tutta la sua delusione: “Ci siamo stufati di un Paese che va a rotoli per cattive decisioni e con un gruppo di persone che continua a tutelare solo se stesse”. Qualcosa di positivo c’è, come “l’approvazione della delega fiscale, ma chiediamo al Governo di accelerare i tempi”. “La riforma fiscale è stata annunciata nel 1994, poi nel 2001 e ancora nel 2008, ma non è stata mai fatta. Prima che la legislatura finisca, deve essere attuata” ha continuato.

E ancora, ha parlato della situazione a livello europeo “in cui alcuni paesi crescono, come la Germania, ma nell’insieme vediamo che non è stata mai costruita una politica economica fiscale comune e non c’è capacità decisionale” e della semplificazione della burocrazia. “C’è una legge sulla semplificazione, ma alla fine è di difficile applicazione. Anche a livello locale bisogna fare di più per questo”.

V4D0715-300x206

Con il sindaco Carancini e il presidente della Provincia Pettinari

Un riferimento anche alla carenza di infrastrutture, “di cui soffrono le Marche e anche se la spesa pubblica va tagliata, cerchiamo di far partire gli interventi finanziati dai fondi pubblici e privati”. “Basta dare spazio alle minoranze rumorose, ma diamolo alle maggioranze silenziose. E’ il momento di far vedere che c’è un’Italia che crede negli investimenti” ha detto, sottolineando anche l’importanza di “un rapporto che deve essere sempre più forte con le università e con gli istituti tecnici superiori” e del “nuovo accordo con Cgil, Cisl e Uil”, definendolo “una lezione per la politica, dimostrando che in un momento difficile lavoriamo insieme”. I cambiamenti, ha affermato, devono riguardare anche “una riforma all’interno di Confindustria, che deve partire dal basso, per essere più efficienti e migliorare la qualità e le Marche possono essere un grande esempio da portare in tutto il territorio”.

L’incontro ha affrontato il tema “Orgoglio imprenditoriale: bene comune” ed era stato aperto dal Presidente di Confindustria Macerata Nando Ottavi, che ha parlato di una “situazione in lento recupero” e della necessità di “un investimento costante sulla scuola e sulla formazione, dell’abbattimento dei tempi della burocrazia e della creazione di reti d’impresa”.

V4D0686-300x199Assente il Governatore delle Marche Gian Mario Spacca per motivi di salute, è intervenuta l’assessore Sara Giannini, che ha ribadito l’importanza “della connessione tra imprese” e ha parlato di “un piano industriale che non c’è, abbiamo bisogno di una visione strategica nazionale”. Intervenuti anche Marco Cucculelli , professore di economia applicata all’Università Politecnica delle Marche, che ha tracciato un dettagliato quadro sull’andamento di Macerata, che si “distingue per l’industria culturale, trovandosi ai vertici nazionale” e Paolo Andreani, presidente Confindustria Marche: “Non possiamo attendere ciò che la politica non riesce a fare nei tempi che ci occorrono, quindi rimbocchiamoci le maniche e facciamo da soli”.

V4D0539-300x200V4D06531-300x201 V4D06631-213x300 V4D06741-300x197 V4D06751-300x199 V4D06781-300x199

V4D0551-300x199 V4D0556-216x300 V4D0568-300x199 V4D0582-300x205 V4D0587-249x300 V4D0594-300x208 V4D0626-300x199 V4D0631-300x199 V4D0638-300x203

 

 

V4D06871-300x199 V4D06901-300x193 V4D06951-300x199 V4D07241-300x199 V4D07281-300x199 V4D07501-300x199

 

marcegaglia_iannuzzi marcegaglia_ottavi marcegaglia_tombolini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni =