Forzano la finestra di un bar
e fingono di amoreggiare
per evitare i Carabinieri

Arrestati un uomo e una donna di San Severino. Ritrovati nella loro auto gli attrezzi utilizzati per entrare nel locale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

attrezzi

di Alessandra Pierini

Tentano di scassinare un bar ma, vedendo arrivare i Carabinieri, si rifugiano in macchina e fingono di amoreggiare per evitare il controllo da parte dei Carabinieri. E’ accaduto ieri notte a San Severino Marche, nei pressi dela bar “Rapaccioni Fabiola”, in località “Casette”.
Verso l’1,30 , i militari hanno notato un uomo ed una donna che, alla loro vista, dal bar si sono diretti  verso una Fiat Punto in sosta nelle vicinanze e sono saliti a bordo. Ritenendo di non essere stati visti,  si sono sdraiati sui sedili dell’auto  fingendo di amoreggiare. I militari però non si sono lasciati raggirare, così mentre uno controllava le porte e le finestre del bar, gli altri tenevano sotto controllo la coppia. Accertato, quindi, che la finestra del bagno dell’esercizio era stata divelta, i due sono stati fermati e sottoposti a perquisizione.

Nella loro auto sono stati rinvenuti gli attrezzi utilizzati per l’effrazione ed in particolare una grossa cesoia, un “piede di porco”, un martello, una leva, uno scalpello, tenaglie, cacciaviti e un cric che hanno dimostrato che si trattava degli autori del danneggiamento. La coppia, tra l’altro,  all’interno dell’esercizio aveva forzato anche una porta, ma il furto di sigarette, di monete dalle slot non è stato portato a termine  soltanto per l’assidua presenza dei Carabinieri nei dintorni. Inevitabile l’arresto per tentato furto della coppia, peraltro già nota ai militari: si tratta di Alessandro Maugeri, disoccupato e Roksana Dumniec, entrambi residenti a San Severino Marche.I due, che questa mattina sono stati tradotti davanti al Tribunale di Camerino per essere giudicati con rito direttissimo, hanno patteggiato la pena venendo condannati a quattro mesi di reclusione ed a 400 euro di multa. Subito dopo sono stati rimessi in libertà essendogli stata riconosciuta la sospensione della pena.

L’operazione è frutto di una intensa attività messa in atto dai Carabinieri di Tolentino  che a seguito dei numerosi furti verificatisi nelle ultime settimane ai danni di esercizi pubblici ed attività commerciali ubicate nella zona industriale di San Severino Marche, che hanno destato preoccupazione nella popolazione, i Carabinieri della locale Stazione  in collaborazione con i colleghi del “Radiomobile” della Compagnia di Tolentino,  hanno posto in atto una serie di servizi preventivi ed investigativi volti a stroncare il fenomeno. Da alcuni giorni, infatti, i militari, di giorno e di notte, in divisa ed in borghese, hanno battuto le zone e gli obiettivi considerati a rischio e tenuto sotto osservazione alcuni soggetti sospettati.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X