Berruto chiama a raccolta i tifosi
per la gara di mercoledì

CHALLENGE CUP - Al Fontescodella finale d'andata contro l'Izmir
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Mauro-Berruto

Il coach della Lube Mauro Berruto

Lettera aperta del coach della Lube Mauro Berruto che chiama a raccolta i suoi tifosi in vista della sfida di mercoledì contro l’Izmir, match che vale l’andata della finale di Challenge Cup. Ecco cosa ha scritto il futuro coach della nazionale italiana.

 

“Care tifose e tifosi,
mercoledì la Vostra squadra disputerà per la prima volta nella storia di questa società una finale nella propria casa, il Fontescodella. Non mi sono sbagliato, lo ribadisco: la “Vostra” squadra. Perché una squadra è di una città e della sua gente. Come un museo, una biblioteca, un monumento importante. Una squadra e’ della gente che la ama, che la sente sua e che proprio amandola sottoscrive un consenso implicito ad emozionarsi, ad urlare dalla gioia o dalla rabbia, ad esserne delusa od orgogliosa, a dare senza pretendere o a pretendere, a fare migliaia di chilometri per seguirla o stare così male da non volerla vedere. Tutte le cose che ho descritto alla Lube succedono probabilmente di più che da altre parti. Qui alla Lube succede che l’amore sia più viscerale che altrove. Fatto di emozioni ancora più forti. Sogno una serata in cui tutti diano il meglio di se stessi, in cui sul campo come sugli spalti mettano in gioco i proprio punti di forza. Sogno una serata dove il Fontescodella possa essere un luogo dove migliaia di persone, dimenticandosi del prima e del dopo, possano sognare insieme e sentirsi, per due ore, una cosa sola mettendo in gioco il muscolo più importante e più difficile da allenare che si utilizza nello sport: quello cardiaco. Qui a Macerata c’e’ un cuore grande, lo so bene. Così come sono certo che una squadra grazie al suo modo di giocare e di stare in campo riesce a coinvolgere e trascinare chi la guarda, vi assicuro che vale anche l’esatto contrario. Dal campo si percepisce tutto, credetemi, e ciò che si percepisce e’ contagioso.
Vi aspettiamo. Esponiamoci al contagio”.

Mauro



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X