Rugby, colpaccio del Cus Camerino
San Benedetto espugnata
con un netto 47-15

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

La gioia dei ragazzi del Camerino rugby a fine gara

di Paolo Ortolani

L’emozione di quando accade ciò che non ti aspetti! Finalmente il brutto anatroccolo si è trasformato in splendido cigno. Il Cus Camerino passa sul terreno della blasonata Samb con un netto risultato di 47 a 15. Gli universitari si presentano nella città rivierasca in cerca di una buona prestazione. Impresa ostica quella di poter competere alla pari con la forte compagine rossoblù. L’entusiasmo e la giusta concentrazione ci sono tutte. Ma stavolta c’è in più maturità e grinta: quella vincente. Camerino apre in accelerazione. C’è qualcosa di strano nell’aria: subito “Gabbo” Ortolani in meta. La difesa si compatta. Il pacchetto di mischia non cede un centimetro e gli esterni volano. A marcare la seconda segnatura ci pensa Paganelli. Ormai si gioca a memoria e sull’entusiasmo segue  la meta di Pavoni e i calci di trasformazione dello sniper Ronconi. I piceni, nonostante alcune leggerezze di gioco, riescono in qualche modo a limitare i danni. Le squadre vanno al riposo sul 27 a 10 per gli ospiti. Nella ripresa, determinata ma inconcreta reazione dei sambenedettesi. Ma non c’è storia: Camerino sale in cattedra e incornicia il risultato con le mete di Orazi, Cotichelli, Bisbocci e ancora Ortolani alle quali si aggiungono le trasformazioni di Cristalli e del solito Ronconi.
Enorme la soddisfazione sul volto di tutti: “Questa vittoria strameritata è stata una liberazione che aspettavamo da tempo – commenta capitan Pavoni – i ragazzi sono stati meravigliosi”. Il coach Ronconi non è da meno: “Dedicata ai ragazzi e a tutti gli appassionati che ci sostengono”. Lapidario e incisivo Mirko Paganelli: ”Oggi siamo stati finalmente squadra”. Matteo Cotichelli, dalla panchina a realizzatore di una meta pesante, è in paradiso: “Emozione indescrivibile”. Ezio Cristalli (new entry insieme a Riccardo Pennesi): “E’ una squadra giovane e che sta maturando in fretta; mi trovo magnificamente. Peccato: per motivi di studio mi trasferisco per un lungo periodo all’estero”. La giornata è finita ma non la luce di questa vittoria che brillerà nei tempi della storia del rinato rugby camerte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X