United Civitanova, Sbrascini ha due sogni:
“Play off e classifica cannonieri”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
sbrascini-2-1-300x225

Stefano Sbrascini, attaccante dello United Civitanova

di Emanuele Trementozzi

Stefano Sbrascini, classe ’84. Esperienza decennale sui campi di gioco e uno dei calciatori simbolo della nuova realtà civitanovese dello United.

Salve Stefano, lei ha iniziato nella Civitanovese e dopo varie esperienze è finito all’attuale United. Ci racconti la sua esperienza sul campo?
“Ho iniziato a giocare con la Civitanovese, dove sono rimasto per quattro anni. Un periodo che ricordo con molto piacere, diviso in stagioni tra Juniores e Prima squadra. Con gli Juniores Nazionali mi sono tolto la bella soddisfazione di raggiungere per due anni il titolo di capocannoniere e in prima squadra, sebbene non abbia realizzato alcuna rete, ho realizzato 8 presenze che mi hanno aiutato a fare esperienza. In seguito ho giocato una stagione nella Tornese, dove abbiamo vinto il campionato di Seconda categoria. Quindi i due anni bellissimi a Santa Maria Apparente, con la vittoria del campionato di Terza”.

La fermo un attimo, perché legata a questo campionato c’è un ricordo per lei indimenticabile. Finale play off contro Montecosaro. Tre a uno il risultato finale con la doppietta di Sbrascini..

“In effetti. Non solo per la vittoria di squadra in sé già importante, quanto per la rete più bella che abbia mai messo a segno. Sono partito dalla mia area e dopo aver superato in dribbling quattro avversari sono entrato in area dove sono stato atterrato. Ho realizzato il susseguente rigore del due a zero momentaneo e soprattutto messo la ciliegina sulla torta ad un’ azione di gioco che rimarrà per sempre nel mio cuore”.

Poi in seguito Pollenza, Saetta, Cherubini.
“Esattamente. Con La Saetta abbiamo perso una finale play off per salire di categoria e questa rappresenta la mia più grande amarezza maturata in tanti anni. Con la Cherubini ho realizzato 18 reti conquistando il titolo di capocannoniere, ma è stata un’esperienza negativa in seguito al fallimento della società”.

E adesso lo United. Cosa l’ha convinto ad optare per questa realtà nonostante le tante offerte ricevute?
“Il progetto della società e la vicinanza. Il mio lavoro come manager presso la locale Mc Donald’s’ non mi permetteva di allontanarmi troppo e per questo ho preferito restare in Terza, ma vicino ai miei affetti. Ho ricevuto offerte da Villa Musone, Real Molino, Morrovalle, Rione Pace e Telusiano, ma ho preferito lo United”.

United che si pone l’obiettivo dei play off. Conferma?
“La società ha l’obiettivo stagionale di piazzarsi tra le prime quattro-cinque posizioni. Ma se da marzo in poi ci accorgessimo che le cose stanno andando bene, allora si potrebbe puntare direttamente al primo posto e alla qualificazione diretta in Seconda. Sabato ci attende una gara difficile con la capolista San Girio e dovremo mettere a tacere le tante voci che si sono susseguite alla sconfitta di domenica con la Real Muscolina. Inoltre voglio incrementare il mio attuale bottino di due reti”.

Sbrascini punta al titolo di cannoniere questa stagione?
“Sicuramente. Il primo è attualmente a quota quattro e ci punto senza dubbio. Se l’obiettivo di squadra sono i play off, il mio personale è la testa della classifica cannonieri”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X