Il Visso sogna, mister Bonifazi:
“Non mi aspettavo questo primato”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
BONIFAZI-VISSO

L'atleta del Visso Samuele Bonifazi

di Luigi Labombarda

Sta andando nel migliore dei modi questo inizio di campionato del Visso 1967: primo posto in classifica nel girone H di Terza (seppure in coabitazione con il Morrovalle) a punteggio pieno, frutto di 4 vittorie, tra cui l’ultima pesantissima sul campo del San Marco Petriolo. Abbiamo intervistato l’allenatore-giocatore Samuele Bonifazi su questo inizio scintillante: “Sinceramente non me l’aspettavo neanche io perché è un gruppo molto giovane, sono quasi tutti ragazzi classe ’90 e ’91 e pensavo ne avremmo risentito in un campionato di Terza categoria dove ci sono molti giocatori d’esperienza, invece devo fare loro i complimenti per ciò che è stato fatto finora. In campo mettono tanto impegno e grinta e stiamo anche esprimendo un buon gioco. So che è solo l’inizio e che arriveranno momenti duri ma siamo pronti ad affrontarli”.

REMIGI-VISSO1-225x300

Il bomber del Visso Daniel Remigi

Tranne una breve parentesi di un paio di mesi a Pioraco, alcune stagioni or sono, è il suo primo campionato da allenatore-giocatore. Come fa a gestire questo doppio ruolo? “Devo dire che è davvero difficile: finora ho giocato solo una trentina di minuti, preferisco seguire e guidare la squadra dalla panchina, e poi è meglio dare spazio ai miei ragazzi che se lo meritano”.

Tra i tanti giovanissimi spicca naturalmente Daniel Remigi, 20 anni, al momento capocannoniere del girone con 6 reti: “Sono molto contento perché i miei compagni mi aiutano e mi mettono in condizione di segnare, speriamo di continuare così”. Daniel è un abituè delle aree di rigore, la scorsa stagione ha messo a segno 24 reti: “Sì, ma l’anno scorso non avevo un vero e proprio partner d’attacco, mentre ora con Raggi è ancora più facile. Siamo complementari in attacco, lui apre gli spazi per inserirmi e io vado a segno. Spero di fare più gol possibili anche quest’anno, ma i successi della squadra vengono prima di tutto quindi è importante dare anche il mio contributo”. Daniel è un ragazzo timido e di poche parole fuori dal terreno di gioco, ma in campo non ha paura di nessuno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X