Recanatese-Rimini al Tubaldi
Gianfelici: “Vorrei lo stadio pieno”

Il ds leopardiano volta pagina: "Vogliamo riscattare la sconfitta di Agnone"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Gianfelici-Daniele

Il ds della Recanatese Daniele Gianfelici

di Andrea Busiello

E’ una Recanatese un pò arrabbiata quella che torna da Agnone, dove la Siroti band ha perso la terza trasferta consecutiva in campionato. Al gol di Garcia non ha fatto seguito una buona disposizione della difesa sui calci piazzati e così i locali hanno ribaltato il punteggio. Domenica prossima grande occasione di riscatto, ospitando la Recanatese il blasonato Rimini. Sulle tribune del Tubaldi è atteso il pubblico delle grandi occasioni. Noi con il ds Daniele Gianfelici abbiamo discusso del momento che sta vivendo la squadra.

Gianfelici, è stata assorbita la sconfitta di Agnone?

“Si, la sconfitta di Agnone e’ stata assorbita; e’ stata una sconfitta amara, visto che eravamo passati in vantaggio con Garcia e che avevamo avuto anche altre palle gol importanti, gli avversari hanno trovato due gol entrambi su palle inattive. Comunque il calcio e’ bello per questo perche’ la settimana successiva ti dà l’opportunità di riscattarti immediatamente”.

Recanatese con il mal di trasferta?

“Non direi. Sono gli episodi che in queste trasferte ci hanno negato i punti in classifica perche’ a livello di prestazione la squadra ha sempre fatto bene. Abbiamo subito sei gol in trasferta e zero in casa, dei sei goal quattro sono arrivati da palle inattive per cui sono gli episodi che ci condannano in questo momento. Voglio fare un elogio pubblico alla squadra e sopratutto al duo tecnico Siroti – Baldoni perche’ sia in settimana che le partite sono sempre state affrontate nel modo giusto”.

Domenica arriva il Rimini, sfida inedita ma importante…

“Per motivi burocratici/economici la societa’ e’ ripartita dall’Interregionale. Sicuramente fa onore avere nel girone una squadra con una storia importante alle spalle e cosi blasonata, il Rimini ha obiettivi di vertice, hanno allestito un ottima formazione, in rosa ci sono anche due giocatori che conosciamo molto bene come Giuseppe Aquino e Mauro Ragatzu, attaccante che lo scorso anno giocava con il Morro D’oro”.

Vi troverete di fronte una squadra dal grande blasone…

“Si e mi auguro che la risposta del pubblico di Recanati sia positiva. Mi piacerebbe vedere gli spalti del Tubaldi gremiti, anche se devo ringraziare la nostra tifoseria perchè sia in casa che fuori c’è sempre e noi sentiamo il loro calore”.

Che Recanatese vedremo domenica?

“Vedremo una Recanatese determinata, come sempre, a far bene e desiderosa di riscatto dopo il mancato risultato di domenica scorsa. Vogliamo dimostrare che possiamo tener testa a qualsiasi squadra del girone e che vogliamo rendere vita difficile a tutti gli avversari”.

Dopo queste prime giornate si può trarre già un bilancio: quali sono le favorite del campionato secondo lei?

“Credo che ci sono piu’ squadre che lotteranno per la vittoria anche se e’ ancora presto per dire quali siano le favorite perche’ sencondo me un primo parziale bilancio si potrà trarre dopo la 12′ giornata e comunque piazze come San Benedetto, Teramo e Rimini sono di un certo blasone, sono piazze che hanno sempre disputato campionati professionistici, hanno una loro storia importante alle spalle e vogliono subito tornare tra i pro”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X