Il “Professore” ritorna in cattedra
Swiderski: “Emozione fortissima”

Il martello polacco è tornato in campo a distanza di 5 mesi dal grave infortunio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Swiderski-Lube

di Andrea Busiello

Del mercoledì di Champions sono due le note liete da rimarcare. La prima di tipo sportivo: la Lube si qualifica con un turno di anticipo agli ottavi di finale ed è matematicamente prima nel girone. La seconda nota felice è quella del rientro in campo del “Professore” Sebastian Swiderski dopo oltre 5 mesi dal suo grave infortunio. Qualche scampolo di match per riprendere confidenza con il taraflex e l’agonismo. Noi abbiamo ascoltato proprio lo schiacciatore polacco (nella foto) per capire che emozioni ha provato nel ritornare in campo ed ovviamente sul futuro della sua squadra.

Swiderski, partiamo da questo ritorno in campo. Tanta l’emozione?

“Si, è stata un’emozione fortissima perchè erano 5 mesi che ero fermo ai box per infortunio e tornare a giocare per me è stata una liberazione. Sono davvero felice”.

Il pubblico del Fontescodella l’ha sempre ammirata ed anche mercoledì al suo ingresso in campo c’è stata un’autentica ovazione…

“Mi fa molto piacere. Quando sono entrato in campo al posto di Cisolla ho sentito il caloroso applauso del pubblico e ringrazio tutti per la stima. Quando ho messo in terra il mio primo pallone dal post infortunio ho provato una grande emozione, perchè finalmente sono tornato abile”.

Lei, in tutto questo tempo ha lavorato spesso da solo. Quanto è stato difficile?

“Molto. E’ brutto essere in palestra da solo ma alla fine ce l’ho fatta anche grazie all’apporto di tutti i compagni che mi hanno sempre spronato a ritornare ai miei livelli. Ora devo continuare a lavorare sodo per riprendere il 100% della condizione”.

Fra quante settimane potremo rivederlo al top della condizione?

“La mia speranza è quella di essere al top della condizione quando si ritornerà a giocare a febbraio. Mi manca ancora molta forza e dopo alcuni scambi accuso un pò di fatica ma credo che ciò sia normale per un atleta che è stato fermo parecchio. In queste due settimane continuerò a lavorare con costanza per farmi trovare al 100% il prima possibile”.

Ritornando all’aspetto agonistico, un successo molto importante quello ottenuto contro il Budva…

“Indubbiamente. Abbiamo superato il turno con una giornata d’anticipo e ciò ci rende felici. Il nostro obiettivo era quello di ottenere il prima possibile il pass per gli ottavi e ci siamo riusciti. Ora non dobbiamo fermarci a questo primo traguardo”.

Ed ora arriva Piacenza. Imperativo non sbagliare se si vuole raggiungere ancora uno dei primi quattro posti in graduatoria…

“Si, la gara contro i campioni d’Italia sarà un crocevia perchè loro ci precedono in classifica ed il nostro intento è quello di agguantarli quanto prima. Conquistare tre punti domenica sarebbe importante e noi ce la metteremo tutta affinchè ciò possa accadere, anche se siamo consapevoli della forza dell’avversario”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X