Tre milioni di italiani sotto la soglia di povertà alimentare

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

pane

(Rainews)

Il 4,4% delle famiglie residenti in Italia, ovvero tre milioni di persone, vive sotto la soglia di poverta’ alimentare. E’ quanto rileva una ricerca realizzata dalla Fondazione per la Sussidarieta’ insieme alle universita’ Cattolica e Milano-Bicocca.

L’indagine, che e’ stata presentata stamattina al Campidoglio, anticipa la realizzazione di un’osservatorio permanete sul fenomeno. Se la spesa per cibo e bevande e’ inferiore a 222,29 euro al mese scatta l’allarme indigenza, e’ questo il limite individuato a livello nazionale dallo studio, che ha messo a punto anche indici regionali per tenere conto del differente costo della vita.

Cosi’ le soglie di poverta’ oscillano a Nord tra i 233-252 euro, al centro tra i 207-233 euro e nel Mezzogiorno tra i 196-207 euro. Un milione e mezzo di famiglie si trova, quindi, in grave difficolta’ ad acquistare quelli che sono prodotti necessari per vivere, come pane, pasta, carne.

L’analisi, che si basa sui dati della Rete della Fondazione Banco Alimentare, una onlus che offre assistenza alimentare in tutta la Penisola, traccia anche il profilo dei poveri d’Italia: meridionali, disoccupati, con un titolo di studio basso e una famiglia numerosa.

La perdita del lavoro e’ la causa principale (60% dei casi) di un portafoglio troppo leggero per far fronte alla spesa. Ecco che l’incidenza della poverta’ alimentare e’ particolarmente alta tra i disoccupati (12,4%) e assai minore tra chi un posto ce l’ha (3,4%).

Dallo studio emerge, inoltre, un dato contrario all’idea comune di persona sola in difficolta’ economiche, piu’ spesso a impoverire gli italiani e’ proprio la famiglia, che piu’ e’ numerosa e piu’ si ritrova a fare economia a tavola: il 10,3% delle coppie con tre o piu’ figli vivono sotto la soglia di poverta’ alimentare. Mentre sono i single a poter spendere di piu’ per mangiare e bere. Solo l’1,7 % vive con meno di 222 euro al mese per nutrirsi. E sta nella media nazionale (4,5%) l’anziano che vive solo. L’analisi, che rielabora dati Istat del 2007, invece conferma il divario tra Nord e Sud: nelle Isole oltre il 10% della popolazione fa fatica a trovare i soldi per mangia e bere; mentre in Toscana, Liguria, Veneto e Trentino Alto Adige “soffre la fame” una percentuale molto piu’ bassa di persone, meno del 3%. Altro fattore influente, come si puo’ immaginare, e’ il titolo di studio: il 6,7 delle famiglie che ne sono prive e’ indigente mentre si difende bene dalla poverta’ chi ha la laurea, solo 1,6% e’ sotto la soglia minima. Il rapporto, infine, stila quella che si puo’ definire la dieta dei poveri.

Lo scontrino mensile non prevede piu’ di 28 euro di pane e cereali, 35 di carne e salumi, 14 di frutta, 10 di pesce, 14 di frutta e 9 di bevande.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X