Finalmente l’Hotsand può tornare
a giocare nel diamante di via Cioci

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

mario marcolini

di Matteo Esposito

Dopo tutti i dubbi e le incertezze sembra proprio che la quarta giornata di ritorno del campionato nazionale di baseball serie B, girone C, si potrà giocare nel diamante di Macerata, anche se ovviamente si tratta di una sistemazione temporanea, dal momento che i lavori sono ben lungi dall’essere completati, ma il fatto di avere i dogout disponibili ha convinto la società a confermare la partita in casa. Tutto pronto quindi per domani, dove l’Hotsand (nella foto il coach Mario Marcolini) affronterà i rivali del Matino, forti del buon momento del pitcher ex Macerata Falzetti Paolo. Per l’occasione gli Angels potranno contare nuovamente su Gallieri, mentre purtroppo c’è ancora amaro in bocca per l’indisponibilità di Sossai, il quale avrebbe potuto fare la differenza nelle gare con Imola e Fano, e che con ogni probabilità non potrà essere presente per motivi di studio. Le novità maggiori si trovano sul cuscino di prima base, dove, a causa dell’infortunio accorso a Marco Menghi, il coach Marcolini si prepara a scendere nuovamente in campo, e si è unito alla squadra nei BP di martedì e giovedì facendo vedere dei buoni swing. Per il resto la probabile formazione vede Patrizio, LoPipero e Tamayo agli esterni, Morganti e Cristallini alternati in terza base, Esposito e Gallieri nell’hot spot di seconda, e Meschini in prima con Marcolini probabile partente della seconda partita. La batteria invece può contare sui fratelli Cingolani, con un Giorgio ritrovato nelle ultime tre uscite ed un Francesco sempre positivo nel box. Nelle altre gare del girone Fano, ormai primo in classifica va a trovare Chieti, Pesaro si scontra con Bologna, mentre i cugini del Cupramontana ospitano i Redskins di Imola.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X