Bretella via Mattei-Pieve,
il Consiglio comunale approva
il progetto preliminare

Opere pubbliche a Macerata
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

consiglio-comunale_5397

Via libera del consiglio comunale, ieri, al progetto preliminare per la realizzazione della bretella della Pieve, due chilometri circa di strada che dalla rotatoria di via Mattei   si collegherà alla Statale 77 in direzione Sforzacosta, bypassando via Roma. Un ulteriore tassello – come affermato dal capogruppo Pd Romano Carancini – verso il completamento del piano della viabilità previsto nel programma amministrativo a beneficio della città. Costo della realizzazione 11 milioni di euro, di cui 7 milioni finanziati con i proventi del Piano casa.
Il progetto, illustrato dall’assessore Raffaele delle Fave ed approvato all’unanimità, prevede un tronco stradale a due corsie che dalla strada di scorrimento Sud-via Mattei, precisamente dall’attuale rotatoria di collegamento con via Tucci (zona Palasport), si collega alla statale 77-Val di Chienti (bivio della Pieve), in grado di smaltire il traffico sulla direttrice sud ovest in direzione Sforzacosta. L’intervento, grazie ad un accordo di programma tra Comune, Provincia, Governo, Regione e Rete Ferrovie Italiane, prevede anche la soppressione del passaggio al livello di via Roma che sarà sostituito da un sottopasso realizzato da RFI. La realizzazione della bretella viaria, comporta anche l’avvio di procedure di esproprio di alcune aree interessate dal passaggio dell’arteria.
Approvati all’unanimità anche due ordini del giorno a riguardo, uno di Rifondazione Comunista illustrato da Reinhard Sauer, con cui si chiede di prevedere anche un percorso pedonale-ciclabile parallelo alla strada ed un progetto verde tra il fosso Valdeia e la strada, come prolungamento naturale del parco di Fontescodella. L’altro, presentato dall’Udc e illustrato da Giovanni Picchio, sottolinea come non sia previsto nel progetto l’innesto con la strada comunale della Pieve e con il tracciato viario previsto dalla Società Quadrilatero “SS 77 – superstrada Civitanova Foligno”, invitando in fase di progettazione definitiva a prevederli, prendendo accordi con la società per realizzare un’unica rotatoria funzionale a tutte le intersezioni stradali previste nella zona. “Proposta che l’amministrazione accoglie e farà propria nella fase esecutiva del progetto” – ha affermato il sindaco Giorgio Meschini
La soluzione progettuale scelta per la realizzazione della rotatoria di innesto alla Pieve ed alla futura viabilità del Quadrilatero era stata criticata anche dal consigliere Silvano Iommi Pdl ritenendola non funzionale ad un corretto collegamento con le altre strade, pur condividendo egli il progetto per una strada peraltro già prevista nel programma di fabbricazione datato 1955 e poi cancellata dal Prg Piccinato. Lo spostamento della rotatoria è opportuno anche per Pierfrancesco Castiglioni (pdl) per tenere conto delle previsioni della Quadrilatero, pur comportando ciò ulteriori espropri. Critiche all’operazione Quadrilatero, dubbi sulla concretezza dei proventi del piano casa nonché alla politica delle opere pubbliche comunali sono stati palesati da Anna Menghi e Placido Munafo del gruppo Menghi. Delibera importante per Uliano Salvatori (Pdl) che va nella direzione dell’interesse della città e quindi da condividere al di là delle diverse posizioni degli schieramenti politici.
Favorevoli al progetto anche Rifondazione Comunista (intervento di Reinhard Sauer), Comunisti Italiani (Luciano Borgiani) e Partito Socialista (Federico Valori), mentre per Giovanni Meriggi del gruppo Misto-Pri la delibera affronta un problema importante, ma non nel modo adeguato. Dopo gli interventi di Ivano Tacconi e Andrea Beccacece dell’Udc e Claudio Carbonari (Pdl) la replica dell’assessore Raffaele delle Fave ha concluso il dibattito. Delle Fave ha respinto con forza le critiche alla politica dei lavori pubblici, esprimendo invece la sua piena soddisfazione per quanto realizzato dall’amministrazione in questi anni: una mole di opere, ha detto fornendo le cifre, ben 230 interventi per 85 milioni di euro già completati, 13 milioni di euro di lavori in esecuzione, 4 milioni , 9 milioni e 11 milioni rispettivamente in fase di gara, di finanziamento e di progettazione per un totale di 124 milioni di opere pubbliche a beneficio della città. Un dato, ha affermato l’assessore, difficilmente riscontrabile in altri comuni simili a Macerata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X