Montelupone in Prima:
“Una gioia infinita”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

montelupone

di Andrea Busiello

Una promozione magnifica dal sapore davvero gustoso. Stiamo parlando del Montelupone che nella scorsa giornata ha strappato il pass per l’approdo alla Prima categoria grazie al pareggio ottenuto in terra civitanovese contro la Nuova Vigor Sma. E’ bastato un punto per festeggiare con una settimana d’anticipo il salto di categoria. Un successo voluto, fortemente cercato da tutto lo staff. Dirigenti, calciatori e tutti gli addetti ai lavori. Si sa, quando si vince il merito è proprio di tutti anche di quello che magari è stato spesso dietro le quinte. Dopo aver fatto realizzare realmente ciò che è successo abbiamo sentito il patron della formazione del Montelupone (clicca sulla foto per l’ingrandimento), ovvero Sandro Mancini che in merito si dichiara davvero felice.

Presidente la prima emozione che ha provato sabato appena saputo che eravate in Prima categoria?

“E’ stata una gioia incredibile perchè dietro a quest’impresa ci sono mesi e mesi di duri sacrifici da parte di tutti. Società, staff, squadra, allenatore. Tutti davvero tutti, e se siamo arrivati a questo traguardo importantissimo il merito va diviso tra di noi. Ognuno ha messo quel tassello decisivo affinchè la squadra potesse andare nella categoria superiore”.

Avete vinto si, ma ci sono stati momenti molto difficili…

“Direi proprio di si. Il girone di ritorno siamo stati sempre nei primissimi posti e questo va sottolineato ma devo ricordare che l’inizio di stagione è stato tragico. 4 punti in 5 partite e condizione di classifica pietosa. In quel momento ci siamo riuniti in società perchè c’era anche chi pensava si dovesse mandare via l’allenatore ed invece abbiamo proseguito con mister Mora ed alla fine il risultato del campo ha confermato che la scelta intrapresa era quella giusta”.

Poi è arrivato qualcuno che in queste categorie è davvero fuori luogo…

“Indubbiamente si. Abbiamo rinforzato l’organico a novembre con l’inserimento di Beltramo, Brunori, Moriconi, Cocci e Quintavalle inserendo esperienza all’interno della squadra. Sin da subito si era capito che avevamo cambiato marcia e i nuovi hanno dato quel qualcosa che ci mancava per far si che i risultati arrivassero e così giornata dopo giornata abbiamo costruito questa grande vittoria”.

C’è stato un momento nel quale ha capito che la squadra avesse le potenzialità per salire in Prima categoria?

“In cuor mio sin dall’estate credevo che la squadra potesse ambire al salto di categoria ma direi che alla fine del girone di andata dopo aver visto un pò tutte le squadre ed avendo preso consapevolezza della nostra forza forse li ho cominciato a credere che potevamo puntare dritti dritti al primato e così è stato”.

In molti ora si chiedono quale sia il futuro del Montelupone. Lei che risponde?

“Alla fine di questa stagione scadrà il mio mandato ma io sono disponibile per continuare ad essere il presidente della società perchè dopo aver vinto il campionato di Seconda categoria il mio intento è quello di fare un campionato di Prima da protagonista anche se ora come ora è ancora presto ed è giusto godersi appieno la festa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X