Scuffia alla Fiorentina:
“Emozione unica”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

scuffia_4710ori-300x211

Dalla Maceratese alla Fiorentina senza nessuna fermata intermedia. Vedere il sogno di una vita tramutarsi in realtà. E’ quello che è capitato al portiere della formazione biancorossa Tommaso Scuffia (foto Calavita), il quale dopo un inizio di stagione di grande spessore è il protagonista di una storia da favola. Il ragazzo, classe 1991, nel corso di questa annata si è distinto spesso e volentieri per il suo valore e così non è passato inosservato sotto gli occhi degli addetti ai lavori che da tempo lo stavano seguendo. Il più lesto di tutti è stato Pantaleo Corvino che in un batter d’occhio ha messo a segno l’acquisto del numero uno biancorosso che dalla prossima stagione andrà a difendere i pali della Primavera viola e che fino alla fine dell’annata in corso rimarrà alla Maceratese in prestito. Noi abbiamo sentito la voce del diretto interessato.

Scuffia una soddisfazione immensa passare dalla Maceratese alla Fiorentina…

“Direi proprio di si. Quando mio padre mi ha detto dopo la partita con il Casoli di sbrigarmi a fare la doccia perchè dovevamo andare a Firenze per firmare il contratto è stata una gioia indescrivibile e in un primo momento non ci credevo. Ma poi ho realizzato che era tutto vero”.

Nella realtà toscana se non vado errato hai avuto contatto con Pantaleo Corvino. Che tipo di persona è?

“Eccezionale. Appena arrivato a Firenze mi ha accolto lui in persona e mi ha fatto firmare subito la lista di trasferimento che mi lega alla Fiorentina e mi lascia in prestito alla Maceratese”.

Le prospettive paventate dal Direttore viola quali sono state?

“Quella di partire con la Primavera della Fiorentina. Io dal canto mio, in questi sei mesi che mancano per approdare a Firenze, dovrò migliorare quotidianamente sempre più per arrivare in buone condizioni all’avventura fiorentina”.

Andare a giocare in una società che disputerà le competizioni europee ed avere dinanzi un personaggio del calibro di Frey che emozione ti provoca?

“E’ qualcosa di fantastico. Non oso pensare alle eventuali partitelle del giovedì tra Primavera e prima squadra. Sarà emozionante al massimo. Per non parlare degli allenamenti specifici che farò con i portieri dove potrò conoscere da vicino Frey”.

Fino alla fine della stagione difenderai i pali della Maceratese…

“Cercherò di dare il massimo per raggiungere la salvezza con la maglia biancorossa perchè questa maglia va onorata e mi auguro di poter centrare l’obiettivo stagionale, seppur le difficoltà societarie e di classifica sono evidenti”.

Andrea Busiello



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X