Lube a Trento
Lunedì d’alta quota

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

kaziyskilube

Dando una sbirciatina alla graduatoria del campionato di volley di serie A1 si evince come il monday night di lunedì tra Lube e Trento, in terra trentina, sia davvero di una valenza importante. Lo è soprattutto per l’aspetto morale e psicologico che c’è dietro questo confronto di alta quota. Arrivano a confrontarsi due squadre in salute. La Lube è reduce dalla bellezza di tre 3-0 consecutivi che danno linfa allo stato di salute positivo che sta attraversando la truppa di Fefè De Giorgi, mentre dall’altra parte della rete i campioni d’Italia, al secondo posto in graduatoria, sono reduci dal convincente successo a Vibo Valentia per 3-1. Facendo i raggi x alle due squadre andiamo a vedere come si presenteranno al match le due formazioni e quali potrebbero essere le chiavi di volta del confronto.

QUI LUBE: La compagine biancorossa ha vissuto una settimana di lavoro tranquilla dopo il convincente successo interno contro Perugia e sarà chiamata al primo confronto esterno di un certo spessore dopo le prime due trasferte della stagione. Andare a far visita ai campioni d’Italia sarà un’ottima occasione per capire in quale stato di forma siano i biancorossi. Insomma, il più classico dei test probanti. Sestetto di partenza biancorosso pressocchè scontato. Diagonale palleggiatore-opposto composta da Vermiglio-Omrcen, i due schiacciatori di posto 4 saranno Swiderski e Martino e i due centrali dovrebbero essere Lebl e Podrascanin. Usiamo il condizionale perchè lasciare fuori un campione come Rodrigao è sempre dura ma con un Podrascanin così non vediamo come il giovane talento serbo possa essere messo ai box. Il libero sarà Mirko Corsano. Dove può vincere la Lube? Puntando deciso su un collettivo davvero superlativo. Con ogni probabilità i biancorossi potrebbero portare via un successo dal PalaTrento se riceveranno con percentuali positive le bombe a mano che Kazyiski e soci sono soliti servire. Un giocatore su tutti deve infatti essere controllato e marcato a dovere: il bulgaro Matey Kazyiski.

QUI TRENTO: La compagine campione d’Italia arriva a questo confronto con il vento in poppa e con la fortuna di poter giocare dinanzi al proprio caloroso pubblico, capace di trascinare i propri ragazzi dal primo all’ultimo pallone. La forza di questa Trento? Indubbiamente sua maestà Matei Kazyiski capace di vincere le sfide da solo. Un giocatore, il bulgaro, che difficilmente può essere paragonato ad altri interpreti nel proprio ruolo per la sua classe sovrumana in tutti i fondamentali. Trento si presenterà in formazione tipo e dunque con Grbic-Vissotto in diagonale. In banda Kazisky e Winiarski. Al centro Piscopo e Birarelli. Libero Bari. Come al solito la compagine trentina farà molta leva sul proprio servizio davvero molto incisivo con Kazyiski, Winiarski e Birarelli dotati di battute particolarmente insidiose.

Insomma, un match quello di lunedì (ore 20.30 su Sky Sport 2 )tutto da gustare con i campioni d’Italia che vorranno rifarsi della scoppola sonora, 3-0, rimediata in Supercoppa contro la Lube. Voi cosa pensate, chi vincerà?

Nella foto (fonte lubevolley.it): Kazyiski fermato dal muro della Lube.

Andrea Busiello



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X