Nasce la fondazione Armando Bettini
per diffondere la conoscenza di Recanati

UNA SERATA evento per presentare l'iniziativa, tra gli altri c'erano il presidente del Consiglio regionale Dino Latini, il sindaco di Recanati Antonio Bravi e il presidente del Cnsl
- caricamento letture

fondazione-Armando-Bettini1-325x244Una serata evento per sottolineare la nascita della fondazione Armando Bettini, voluta per testamento da Laura Bettini in ricordo del padre valente medico nonché esimio storico locale ed appassionato collezionista numismatico, venuto a mancare nel 1974.

Scopo della Fondazione, come indicato dalla testatrice, è quello «di diffondere la storia, l’arte, la cultura del territorio di Recanati, la conoscenza delle opere di personalità dell’ambiente professionale, sociale, religioso, artistico; di sostenere la valorizzazione dei patrimoni storico-ambientali, ivi compreso in particolare la conservazione e la funzione del Palazzetto Bettini di Recanati e di quanto in esso contenuto quale casa museo privata perché possa parlare di sé e della propria identità storica, consentendone la visita con le opportune modalità a studiosi e cultori».

fondazione-Armando-BettiniCompletato l’iter burocratico amministrativo relativo al riconoscimento, il Comitato direttivo, presieduto da Antonio Baleani e formato da Gabriele Cruziani, Giuseppe Luppino ed Alfredo Mancinelli, ha ritenuto opportuno presentare la Fondazione alla cittadinanza ed alle Istituzioni Venerdì scorso si è svolta la serata appunto di presentazione alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Recanati Antonio Bravi, del presidente del Consiglio Regionale Dino Latini, dell’assessora comunale alle Culture Rita Soccio, del presidente del Cnsl Fabio Corvatta, degli imprenditori Giuseppe Casali, Silvano Bravi, Patrizia Clementoni e Manuela Guzzini e della direttrice dell’Antiquarium Statale di Numana Nicoletta Frapiccini. La serata è stata ulteriormente impreziosita dall’esibizione dei musicisti Luca Mengoni al violino e Lucia Galli all’arpa. Al termine dell’evento il presidente della Fondazione ha fatto dono ai presenti di una pubblicazione dal titolo “Palazzo Bettini, una eredità da custodire e valorizzare”, dedicata alla dimora storica della famiglia, sede della Fondazione. L’avvocato Mario Pinelli ha curato, quale legale, l’intero percorso burocratico volto ad ottenere il riconoscimento regionale della Fondazione.

(L. Pat.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X