Girardi: “In un ta-tàà
la maledizione di Rigoletto

MACERATA - Buona la prima per l'iniziativa organizzata dall'associazione Sferisterio Cultura, sabato e domenica alle 12 si replica agli Antichi Forni
- caricamento letture
Cinzia Maroni, responsabile aperitivi culturali

Cinzia Maroni, responsabile aperitivi culturali

Opera festival'15-nutrire l'anima(foto MS)7di Erika Mariniello

Buona partenza per gli Aperitivi Culturali, organizzati dall’Associazione Sferisterio Cultura, in scena come da tradizione agli Antichi forni durante i quattro week end del Festival operistico, fino a domenica 9 agosto. Protagonista della mattinata d’esordio Enrico Girardi, critico musicale del Corriere della Sera che, in compagnia di Federico Grazzini – regista dello spettacolo che inaugurerà stasera la 51esima stagione lirica – ha approfondito i temi del Rigoletto. L’intenso dramma di passione, tradimento e vendetta, opera di Verdi, propone numerosi spunti di riflessione alcuni dei quali sono stati affrontati nell’incontro dal titolo “Rigoletto e la poetica di un Ta-tàa”.

Federico Grazzini, regista del Rigoletto

Federico Grazzini, regista del Rigoletto

Girardi, docente di musicologia all’Università Cattolica di Brescia e Milano ha scritto diversi libri incentrati sulla lirica e saggi sul Novecento storico e contemporaneo e ha spiegato il particolare titolo scelto per questo primo incontro: «Rigoletto è gobbo e cammina zoppo, ta-tàà trasmette un’idea ritmica, sonora. Nasce insieme dall’idea drammatica centrale della maledizione e dall’idea sonora degli intervalli». Con la sua competenza tecnica, poco prima del debutto all’Arena, ha saputo preparare all’ascolto appassionati e neofiti che, negli aperitivi trovano un punto di riferimento indispensabile per comprendere appieno temi complessi. La presenza del giovane regista Federico Grazzini, che ha già avuto occasione di sottolineare l’importanza di nutrire l’anima, tema centrale di questa stagione, ha conferito un’ulteriore grado di autorevolezza alla discussione, moderata da Cinzia Maroni, responsabile dell’iniziativa. A poche ore dall’inizio della rappresentazione che inaugurerà la Stagione che si preannuncia da record di incassi e presenze, il Rigoletto è stato il tema centrale della mattinata nel primo dei 12 incontri in programma che vedranno intervallarsi giornalisti, filosofi, scrittori e critici in un lungo viaggio tra lirica, filosofia e cultura, nella cornice degli Antichi Forni. Opera festival'15-nutrire l'anima(foto MS)8Da non perdere il secondo appuntamento con “Cav&Pag, due schegge di vita” e  Carla Moreni, giornalista de Il sole 24 ore e il regista della Cavalleria Rustica e dei Pagliacci, Alessandro Talevi. Domenica saranno le note di Ludovico Einaudi, in concerto la sera stessa allo Sferisterio, ad essere al centro dell’attenzione del direttore dell’Amat (associazione marchigiana attività teatrali), Gilberto Santini. 

Opera festival'15-nutrire l'anima(foto MS)2

 

un momento degli Aperitivi Culturali agli Antichi Forni

Un momento degli Aperitivi Culturali agli Antichi Forni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X