Chiusura al CT Guzzini,
occhi puntati sul Challenger

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

CT-Guzzini1-300x199

Si è chiusa ufficialmente la scuola tennis 2009/2010 al CT Francesco Guzzini con una cerimonia dove sono state effettuate le premiazioni dei tornei, consegnati diplomi e borse di studio. Un anno particolarmente intenso quello del circolo presieduto da Adolfo Guzzini che ha visto impegnati più di 130 atleti. Un vero record che pone la scuola di Recanati tra le prime della regione Marche per numero e per attività svolta. Buoni i risultati del settore agonistico sia nelle competizioni a squadre che nei tornei di singolare. Sfiorato l’accesso alla fase nazionale dalla squadra maschile di categoria C, risultata tra le migliori nel tabellone Marche/Umbria. A livello individuale le soddisfazioni maggiori sono giunte dai baby tennisti Buldorini Peter, Carestia Matteo e Cenci Sofia che si sono distinti nel circuito regionale promo-baby 2010. Assegnate anche quest’anno a giovani che si sono particolarmente distinti per impegno, capacità e condotta le borse di studio “Giannunzio e Francesco Guzzini”. Sono state consegnate direttamente dal Presidente Onorario Maria Mattutini a Mobili Noemi, Flamini Lorenzo, Sbrancia Federica, Frapiccini Giulia, Regno Ejona, Bizzarri Francesco, Grassi Riccardo, Lapponi Gabriele, Fusero Filippo, Piangerelli Yanis, Morroni Filippo, Cenci Sofia, Carestia Matteo, Buldorini Peter, Marconi Giorgia, Carloni Nicolò, Elisei Marco, Mangiaterra Paride e Cenci Eleonora. Ora via ai corsi estivi che dureranno un mese e poi l’evento ATP Guzzini Challenger che dal 17 al 25 luglio farà di Recanati la sede del tennis mondiale. Immancabile anche quest’anno l’appuntamento con la foto di fine corso (sopra) che ritrae tutti i giovani della SAT con la divisa ufficiale, lo staff tecnico ed il consiglio direttivo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X