Munizioni nel cantiere,
distrutti 160 proiettili

CIVITANOVA - Gli ordigni, di fattura tedesca e risalenti alla seconda guerra mondiale, sono stati fatti brillare oggi pomeriggio in una cava di Treia. Stamattina l'esercito li aveva prelevati dal luogo del ritrovamento in via d'Azeglio
- caricamento letture

a8feacc6-2a7f-47e5-826a-9abd9d2b6aaf-650x488

 

di Laura Boccanera 

Sono stati fatti brillare nel pomeriggio in una cava di Treia i 160 proiettili rinvenuti nel cantiere civitanovese di via D’azeglio. Un piccolo arsenale risalente alla Seconda guerra mondiale e di fattura tedesca che era riemerso a luglio, quando durante alcuni lavori di scavo per l’edificazione di uno stabile, gli operai si sono imbattuti in alcuni bauli e all’interno moltissime munizioni di circa 2 centimetri di diametro per un totale di oltre 1000 ordigni. 2d256836-58dd-4324-bdea-987f681fa81e-325x244Proiettili high explosive lunghi 30 centimetri e risalenti al periodo della seconda guerra mondiale quando i tedeschi piazzavano la contraerea lungo le spiagge. Un piccolo arsenale che dopo il ritrovamento è stato sequestrato e collocato in un’area del cantiere interdetta e delimitata in attesa dell’intervento degli artificieri. E questa mattina i militari del Cmd, il nucleo di bonifica del munizionamento convenzionale del reggimento Genio Ferrovieri dell’esercito italiano coordinati dal Comando delle forze operative nord di Padova, sono intervenuti nuovamente per far brillare le munizioni. L’attività non è ancora terminata e proseguirà anche la prossima settimana.

Stamattina sono stati recuperati una parte delle munizioni rinvenute e che erano state accantonate in un’area del cantiere in sicurezza (leggi l’articolo). Lo scorso luglio infatti solo una parte è andata distrutta, l’altra è stata custodita per evitare la manomissione o la vista a personale non autorizzato tanto che tutta la zona per 3 metri è rimasta interdetta. Il quantitativo elevato di munizioni complessivo (circa 300) è molto e i militari dell’esercito hanno proceduto per stralci. 160 quelli che sono andati distrutti oggi, ma l’intervento richiederà altre ore di lavoro, previste per la prossima settimana quando tutto l’arsenale verrà eliminato e il cantiere potrà venire riaperto.

cassa-proiettili

Cassa di munizioni in un cantiere recuperata dagli artificieri

 

 

Altre casse di munizioni nel cantiere, spunta artiglieria antiaerea: al lavoro gli artificieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X