facebook twitter rss

Salvini, caffè con Peppina:
“In 15 minuti si approva la legge”

FIASTRA - Il leader della Lega ha incontrato l'anziana nel primo pomeriggio. "Stasera chiamo presidenti di Camera e Senato. Tornerò finché la situazione non si sarà normalizzata". Maurizio Borghetti: "Mia suocera non voleva costruissimo la casetta, ma dopo che è entrata non ha più voluto uscire. Ogni sera manda un bacio alla sua vecchia casa". Questa mattina l'udienza al Riesame, risposta attesa per inizio settimana. FOTO/VIDEO
venerdì 6 ottobre 2017 - Ore 16:07 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Maurizio Borghetti con Matteo Salvini

 

Salvini a casa di Peppina insieme al genero Maurizio Borghetti

 

 

da Fiastra Monia Orazi

(foto di Federico De Marco)

Un caffè da Peppina, qualche chiacchiera parlando della bontà delle castagne della zona, i pomodori colti nell’orto e mangiati sul posto. Detta così, non fosse che protagonista di queste azioni era il leader della Lega, Matteo Salvini, la visita nel primo pomeriggio a casa di Giuseppa Fattori poteva sembrare quella di un parente o di un conoscente. Ma Salvini, giunto con 20 minuti d’anticipo rispetto all’orario previsto (le 14) a San Martino di Fiastra, ha anche parlato con l’anziana della proposta di legge che ha depositato in Senato il 27 settembre (leggi l’articolo) per consentire a chi ha una casa nel cratere di poter passare l’inverno nella propria terra.

«Vengo a portare solidarietà ma anche un atto concreto: oggi chiederò ai presidenti Boldrini e Grasso di portare in discussione già la settimana prossima la nostra proposta di legge che riguarda centinaia di persone che hanno costruito qualcosa sul loro territorio – ha detto Salvini -. Non è la villa fronte mare ma si tratta di casi di necessità. Sono italiani che non vogliono fare i furbi, ma sopravvivere dove vivono da tanti anni. In una settimana si può approvare. Condonare? Esclusivamente dove sono avvenute calamità naturali o terremoti. Non importa che sia la proposta della Lega, portino settimana prossima qualsiasi proposta di legge e diamo consenso per approvarla nell’arco di un quarto d’ora. Chiedo ai giudici di applicare il buon senso, la legge si può anche interpretare. Si avvicina il Natale e mi rifiuto di pensare che la signora Peppina passi il Natale in un container senza bagno». Il leader della Lega quando è arrivato ha chiarito: «Sono tornato perché l’avevo promesso, tornerò fino a quando non ci sarà la normalità». Il numero uno del Carroccio è stato accompagnato a casa dell’anziana dal genero della donna, Maurizio Borghetti. Peppina ha offerto il caffè ai suoi ospiti e la chiacchierata è andata avanti per un’ora e mezza. Salvini prima di andare via è entrato nell’orto di Peppina dove ha raccolto qualche pomodoro che ha mangiato crudo.

Matteo Salvini raccoglie pomodori nell’orto di Peppina

«Questo terreno è di proprietà della nostra famiglia ed è edificabile, se fossimo stati a Polverina avremo potuto avere la sanatoria, pagando le sanzioni dovute, qui siamo all’interno del Parco, io ignoravo ed anche altre persone di cui non faccio il nome, il problema dell’autorizzazione paesaggistica – ha detto il genero dell’anziana, Maurizio Borghetti –. Noi volevamo soltanto dare una sistemazione dignitosa a nostra suocera in un momento di emergenza. Il procuratore non può fare diversamente, applica la legge. Noi pensavamo succedesse qualcosa, ma non immaginavamo questo impatto mediatico. Questo è un problema che non riguarda solo Giuseppa, ma tante persone che sono volute restare qui e si sono fatte una casetta». Borghetti aggiunge che la suocera «sta vivendo male questi momenti. La sera prima di ritirarsi esce e manda un bacio alla sua casa inagibile qui di fronte. All’inizio è andata nel container, non voleva che le costruissimo nulla, ci ha detto di non spendere soldi per lei. Conoscendo mia suocera, l’abbiamo portata qui quando la casetta era pronta, le abbiamo detto vedi se ti trovi bene, non è più uscita. Se dobbiamo abbatterla, la abbatteremo. Se le temperature continuano così piacevoli, lei potrebbe andare nel container che era stato acquistato per il terremoto del 1997. È una donna d’altri tempi che vuole morire dove è sempre vissuta». Ci è voluto un mese per edificare la casa in legno da 70 metri quadrati, proprio di fronte alla casa gialla dove Giuseppa Fattori ha vissuto i suoi ultimi 75 anni di vita, che ricorderà domani, giorno del suo 75esimo anniversario di matrimonio.

Oggi per il caso di Peppina era in calendario anche l’udienza al tribunale del Riesame a Macerata, per discutere la richiesta di dissequestro della casetta dove vive Peppina (mancano le autorizzazioni necessarie a costruire). L’udienza è durata pochi minuti. Per la decisione occorre attendere. «Si saprà all’inizio della prossima settimana» ha ipotizzato questa mattina l’avvocato Bruno Pettinari, che assiste la famiglia della 95enne. Il pm, da parte sua, ha insistito per mantenere il provvedimento di sequestro. I giudici dovrebbero rendere nota la decisione tra lunedì e martedì. Sempre lunedì l’avvocato Pettinari depositerà il ricorso al Tar, già notificato in questi giorni, per bloccare l’ordinanza di demolizione della casetta.

(Servizio aggiornato alle 19,30)

 

 

Salvini, selfie con Peppina: “La sua casa non si tocca, faremo approvare un decreto”

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X