Univpm raddoppia a Macerata,
nuovo corso delle professioni sanitarie
«Sbocchi occupazionali interessanti»

PRESENTATA stamattina la laurea triennale in ‘Terapia della neuro psicomotricità dell'età evolutiva’, che si affianca a quella di Infermieristica. Sono 20 gli studenti che hanno superato il test di ammissione. Il rettore Gregori: «Attraverso questi corsi triennali si passa dalla teoria alla pratica attraverso i numerosi tirocini che vengono attivati grazie alla stretta collaborazione col comparto sanitario dell’Asur»
- caricamento letture

 

ITE_CorsoOperatori_FF-1-650x434

La presentazione del corso

 

di Mauro Giustozzi (foto Fabio Falcioni)

Professioni sanitarie sempre più richieste ed allora ecco che l’Università Politecnica delle Marche amplia la propria offerta con il nuovo corso di laurea in ‘Terapia della neuro psicomotricità dell’età evolutiva’ attivato nella sede di Macerata. Il corso, appartenente alla classe delle lauree in professioni sanitarie della riabilitazione, ha lo scopo di formare operatori sanitari impegnati in attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla valutazione funzionale, all’abilitazione e alla riabilitazione di bambini e adolescenti con disturbi dello sviluppo evolutivo di natura neuro e psicomotoria, neuropsicologica e psicopatologica, promuovendo uno sviluppo equilibrato ed armonico del bambino nelle sue funzioni cognitive, psichiche e motorie.

GianlucaGregori_ITE_CorsoOperatori_FF-9-325x217

Il rettore Univpm Gianluca Gregori

Sono 20 gli studenti che frequentano il corso a Macerata dopo aver superato i test di ammissione mentre ammontano a 75 gli iscritti al primo anno di Infermieristica sempre nel capoluogo. Le lezioni legate al nuovo corso di Terapia della neuro psicomotricità dell’età evolutiva sono già iniziate lo scorso 25 ottobre presso le aule della Domus San Giuliano ma quella di stamattina è stata l’occasione di un saluto di benvenuto a studentesse e agli studenti del nuovo corso che si è tenuto in presso l’aula magna dell’Ite Gentili di Macerata ed al quale hanno preso parte il rettore di Univpm Gian Luca Gregori, Daniela Corsi direttore di Av3, Andrea Santarelli vice preside della facoltà di Medicina e chirurgia Univpm, Luigi Ferrante docente del nuovo corso di laurea, Maria Rita Rippo presidente del corso di laurea in Infermieristica, l’assessore regionale all’università Giorgia Latini che ha inviato un videomessaggio ai giovani presenti oltre a Sandro Di Tuccio presidente dell’Ordine professionale degli infermieri e Fabio D’Ercoli presidente dell’Ordine dei Tnpee.

ITE_CorsoOperatori_FF-2-325x217«Le lezioni sono iniziate da oltre un mese –ha ricordato il rettore Gregori– e questo nuovo corso rappresenta un ulteriore apertura e investimento che Univpm fa sul territorio ed a favore dei giovani ai quali offre sbocchi occupazionali interessanti anche nel maceratese grazie a questi venti posti per Terapia della neuro psicomotricità dell’età evolutiva che si affianca al corso infermieristico che presenta 75 nuovi iscritti al primo anno. Attraverso questi corsi triennali si passa dalla teoria alla pratica attraverso i numerosi tirocini che vengono attivati grazie alla stretta collaborazione col comparto sanitario dell’Asur che è decisivo nel far crescere queste figure professionali che sono importantissime e che avranno uno sbocco lavorativo immediato al termine degli studi». Nel suo video messaggio l’assessore regionale Giorgia Latini ha sottolineato come «l’offerta formativa di Univpm cresce nelle Marche anche grazie all’istituzione di questo nuovo corso che si affianca ad altri già presenti nella linea delle professioni sanitarie. Del resto il numero complessivo dei posti disponibili per accedere ai corsi delle professioni sanitarie in questo ateneo è aumentato rispetto all’anno precedente, passando da 598 a 735 posti nel 2021. In particolare la nuova laurea è importante perché va a supporto di bimbi ed adolescenti in difficoltà psico motoria. Da parte nostra abbiamo raddoppiato il budget delle borse di studio a favore del sistema delle università portato da 2,5 a 5 milioni di euro».

Corsi_ITE_CorsoOperatori_FF-7-325x217

Daniela Corsi

Il direttore di Av3, Daniela Corsi, ha sottolineato come proprio nelle professioni sanitarie ci sia carenza di figure così specialistiche. «Con l’attivazione di questo nuovo corso si va a coprire esigenze importanti –ha detto la Corsi- e soprattutto si offre anche uno spazio occupazionale sicuro a voi giovani che abbracciate questi studi. La neuro psicomotricità infantile è stata messa da parte troppo spesso proprio per mancanza di personale specializzato. D’ora in avanti non sarà più così. Carenza di figure professionali con cui faccio i conti tutti i giorni: l’ultima riguarda la professione di logopedista che manca e per cui abbiamo indetto un concorso in Av3 a gennaio. Si tratta di figure poco considerate ma strategiche e specialistiche nella sanità. Inoltre voi studenti partite in una situazione dove il futuro occupazionale è assicurato». L’analisi delle condizioni occupazionali fa emergere come i laureati in Tnpee del 2017 abbiano trovato occupazione nel profilo scelto nell’84,2% dei casi a un anno dalla laurea, occupando il primo posto tra tutti i laureati delle professioni sanitarie per opportunità di lavoro. La figura del terapista della neuro psicomotricità dell’età evolutiva, che abbraccia la fascia da 0 a 18 anni, sarà particolarmente richiesta dal mercato del lavoro nei prossimi dieci anni.

AndreaSantarelli_ITE_CorsoOperatori_FF-8-325x217

Andrea Santarelli

«Il laureato sarà in grado di cooperare con gli operatori scolastici all’attuazione della prevenzione, alla definizione della diagnosi funzionale e del piano educativo individualizzato, nonché essere in grado di partecipare ad attività di studio, ricerca e documentazione. –ha affermato il vice preside della Facoltà di Medicina, Santarelli Il terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva può trovare collocazione nell’ambito del Servizio sanitario nazionale, negli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e privati, nonché nelle strutture private accreditate, siano esse centri clinici o di riabilitazione, ed in strutture educative statali o dipendenti dagli enti locali. Questa nuova offerta formativa continua nel solco dell’integrazione tra università e sanità». Infine Maria Rita Rippo, presidente del corso di laurea infermieristica a Macerata ha ricordato come «quest’anno si festeggia il 15esimo anniversario dall’apertura di questo corso che ha sfornato circa un migliaio di infermieri in questo lasso di tempo che si sono formati anche grazie alla collaborazione che c’è stata con i tirocini svolti in Av3. I giovani che escono da questi corsi sono molto preparati, quando vanno all’estero a fare esperienza spesso non li vogliono far tornare in Italia per la qualità che dimostrano».

 

ITE_CorsoOperatori_FF-3-650x434

ITE_CorsoOperatori_FF-4-650x434

Santarelli_Ferrante_ITE_CorsoOperatori_FF-12-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X