La Dia: «Gruppi criminali stranieri
si stanno consolidando nelle Marche,
operano soprattutto nello spaccio»

RELAZIONE DELL’ANTIMAFIA – Non si registrano forme stabili di radicamento delle mafie tradizionali, ma si è evidenziata la presenza e talvolta l’operatività di affiliati alla criminalità calabrese e presenze collegate a sodalizi pugliesi impegnati in un “pendolarismo criminale” e compagini camorristiche. Tra la criminalità di matrice etnica le più operative sono quella albanese, nigeriana, pakistana e afghana