Guzzini in Maserati dribbla i microfoni
Linea soft dei sindacati:
«Non ci aspettavamo i licenziamenti»

RECANATI – La ditta di proprietà svedese ha deciso di lasciare a casa 103 persone. Il decano della famiglia, Adolfo, oggi è arrivato senza rilasciare dichiarazioni. Mentre la società tace, i sindacalisti provano a dire qualcosa, in un clima apparso conciliante a fronte delle tante persone che resteranno senza lavoro