Marche anello debole del Centro Italia,
e Macerata rischia di rimanere indietro
tra le conseguenze di sisma e pandemia

L’ANALISI – Nell’entroterra c’è chi lamenta: «Stiamo peggio di 5 anni fa, hanno chiuso gli sportelli bancari, le farmacie come i negozi di generi alimentari sono lontani». Chi sta peggio poi sono gli allevatori alle prese con la carenza d’acqua. Intanto la Svimez (associazione per lo sviluppo dell’industria del mezzogiorno) mette in rilievo il divario che si sta formando tra regioni come Toscana ed Emilia e la nostra. Nel mezzo c’è il Maceratese dove sono più le aziende artigiane che chiudono che quelle che aprono (meno 40 lo scorso giugno) e dove il progetto per una fiscalità privilegiata non è mai partito