Stefano Parcaroli, l’asso nella manica:
«Due mesi intensi con Sandro,
ha voluto fare il sindaco a tutti i costi»

INTERVISTA – Il figlio è stato anche il primo consigliere durante la campagna elettorale: «Arrivavamo alle 20 distrutti, io rientravo a casa mentre lui continuava con comizi o riunioni fino alle 2 di notte». Adesso ha preso le redini della Med Store. Sulla scelta del papà di candidarsi: «Tutti in famiglia gli avevamo detto: “Chi te lo fa fare”». Sul largo successo ottenuto al primo turno: «Non lo avremmo mai immaginato, sorprendente anche il risultato della nostra civica». Sul futuro di Macerata: «Vedo già grande entusiasmo da parte di imprenditori di altre città, c’è anche chi pensa di aprire una discoteca». E intanto il figlio Samuele guarda lontano