Squadre speciali per assistenza a casa,
il coordinatore Bernardo Cannelli:
«Ci sono giovani medici eroici»

CORONAVIRUS – Sono le Unità speciali per la continuità assistenziale (Usca) attivate dalla Regione, ne fanno parte dottori che si sono proposti volontariamente. «Al momento possiamo solo fare visite, speriamo in futuro di poter fare qualcosa in più»