Asse Macerata-Matelica, niente serie C
Canil: «Costretti a ripartire dalla D»
Rinviato il trasferimento nel capoluogo

CALCIO – Al termine di una lunga giornata di riflessioni sul da farsi per le difficoltà incontrate sulle norme federali, il presidente della società dell’entroterra ha chiarito le sue intenzioni in serata: «Troppe difficoltà per il ripescaggio. Dobbiamo vincere il prossimo campionato per poi poter realizzare una squadra provinciale che possa competere nel calcio professionistico». Scartata la possibilità di fusione con una società operante nel comune di Macerata «per non cancellare i 100 anni di storia del Matelica»