Leggere è potere

0

CASTELRAIMONDO – Manuela Miconi, insegnante dell’istituto comprensivo “Strampelli”, spiega l’importanza dei libri e della partecipazione all’iniziativa #ioleggoperchè

io_leggo_perche_strampelli-4-1024x576

i disegni sono stati realizzati da ragazze e ragazzi dell’istituto

L’istituto Comprensivo “N. Strampelli” di Castelraimondo parteciperà anche quest’anno all’iniziativa #ioleggoperché. A spiegare il senso dell’iniziativa e ciò che può rappresentare la lettura in questo momento storico è Manuela Miconi, insegnante dell’Istituto

di Manuela Miconi

Secondo me il verbo leggere si sposa bene con il verbo potere.
Leggendo un libro si può viaggiare nel tempo e nello spazio in posti sconosciuti ed epoche lontane stando comodamente seduti in casa.
Con un libro si possono conoscere tanti personaggi che ci aiutano a conoscere meglio noi stessi e grazie alle pagine scritte si può immaginare un mondo diverso. Con un libro in mano possiamo avere sempre una via di fuga e possiamo educare la nostra mente alle buone pratiche della società civile.
In questo periodo di distanziamento fisico, un libro ci permette di rimanere connessi con gli altri senza il bisogno di una buona linea, basta accendere la fantasia.

io_leggo_perche_strampelli-5-1024x758
Per questo motivo i ragazzi e le ragazze  dell’Istituto Comprensivo “N. Strampelli” di Castelraimondo hanno deciso di aderire anche quest’anno all’iniziativa #ioleggoperché.
Lo scorso anno si è deciso di provare questa esperienza ed è stato bello ascoltare alunni e alunne che commentavano i libri che avevano donato alla scuola, libri che loro stessi sceglievano per poterli leggere e condividere con i propri compagni. Alla fine le nostre biblioteche si sono arricchite di diversi volumi e per ogni volume donato, l’Associazione editori ne regala una seconda copia; in tal modo può essere destinata ad un’altra sede del nostro Istituto.

leggo_istituto_strampelli
Quest’anno, insieme agli insegnanti, i ragazzi e le ragazze hanno ragionato sull’importanza della lettura e sul perché leggere fa stare bene; inoltre gli studenti di tutte le classi seconde della Scuola Secondaria di Primo Grado hanno realizzato i disegni da inserire nella locandina personalizzata.
Grazie a questa iniziativa si può donare un libro alle nostre scuole a partire per tutta la settimana fino a domenica 29. Per poterlo fare basta recarsi nelle librerie di Matelica gemellate con noi: Kindustria di Francesca Chiappa o Mondadori Bookstore o procedere sempre con loro all’acquisto online, per limitare gli spostamenti.
Mai come in questo momento siamo convinti che leggere possa offrire un po’ di ristoro all’animo, soprattutto per chi, ragazzi o adulti, sta bene, ma si trova in isolamento; è un balsamo lenitivo che ci può aiutare ad alleviare il peso di una situazione più grande di noi.

io_leggo_perche_strampelli-3-1024x576
Un libro può essere una finestra sul mondo e oggi più che mai abbiamo bisogno di finestre che ci permettano di guardare fuori e di guardarci tra noi con occhi pieni di speranza per il domani.
Con un libro donato alla scuola si lascia un pezzo di noi in eredità, si costruiscono ponti che ci uniranno alle generazioni future e tutti noi abbiamo bisogno di ponti su cui gettare solide basi per la nostra umanità.

io_leggo_perche_strampelli-2-1024x576

io_leggo_perche_strampelli-1-1024x576



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.