A passeggio sul monte San Vicino
Un itinerario per tutte le età

0

ESPLORA – In un’ora si arriva fino alla grande Croce. Un percorso da cui poi si può deviare anche verso luoghi incantevoli come Elcito e la valle di San Clemente

monte_san_vicino1

Il monte San Vicino

Fa caldo, fuori c’è troppo sole per uscire, ma dentro proprio non si può stare. Che fare quindi? Ci vorrebbe un posto in mezzo alla natura, pieno di verde e di sole, ma anche fresco e ben ombreggiato. È solo una fantasia? Fortunatamente no, almeno sul monte San Vicino. La montagna, incastonata tra i comuni di Apiro, Poggio San Vicino, San Severino e Matelica, è un punto di riferimento per tutto il territorio. In molte parti della provincia di Macerata e di Ancona, basta alzare lo sguardo verso gli Appennini per vedere primeggiare il massiccio profilo adunco che arriva a 1479 metri di altezza. E allora basta munirsi di mappa, convincere amici e genitori e iniziare a esplorare lungo gli itinerari consigliati.

elcito-1-1

Elcito

Il suggerimento è di partire dall’inizio: i bellissimi prati di San Vicino, nella frazione apirana di Pian dell’Elmo. Qui si può anche trovare un punto ristoro che, oltre a squisiti panini e bibite fresche, dispone di tutte le informazioni necessarie sui percorsi e i segreti del posto. Dopo essersi muniti di acqua e snack, si supera la staccionata che delimita i vastissimi prati e si imbocca il sentiero che ci si trova davanti, denominato 112A. Nella prima parte sarete riparati dalla luce del sole grazie alla gustosa ombra dei faggi e, se il cielo è particolarmente limpido, potrete godere di un panorama spettacolare poco dopo l’inizio del percorso. Il percorso, di circa un’ora o poco più, vi porterà dritti alla mastodontica Croce del monte San Vicino. Un’imponente costruzione che svetta sulla vallata di Fabriano e il lago di Castreccioni di Cingoli. Tornando indietro, se avete voglia di respirare ancora un po’ l’aria frizzantina della zona, vi segnaliamo due punti di interesse importanti: l’antico villaggio di Elcito e la misteriosa valle di San Clemente, di cui si possono trovare informazioni interessanti a questo indirizzo.

 

 

 

 

 

Leonardo Giorgi
Scritto da

Affacciato dal Balcone delle Marche, Leo osserva il territorio maceratese per raccontare tutte le curiosità più interessanti e dare una mano a chiunque sia in difficoltà. Non dorme mai, ed è disponibile notte e giorno per la squadra e per le persone che chiedono il suo aiuto. É chiamato il “Marziano” perchè si rifugia spesso sullo spazio, per non farsi trovare dai potenti che prende in giro. Instancabile scrittore, i suoi unici punti deboli sono i videogiochi Nintendo e la musica rock. Prima di fare il giornalista era un famoso allenatore di Pokémon.



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.