Capitan Marina Fiorentini racconta:
«Ho segnato tanti gol
ma non li ho mai contati»

0

CALCIO FEMMINILE – L’intervista alla centrocampista, leader della prima squadra della Yfit. Venticinque anni in campo, una passione nata dalla famiglia e gli stereotipi legati al settore

marina_yfit_-3-1024x701

Marina Fiorentini con una compagna di squadra

Hai mai conosciuto una calciatrice? Marina Fiorentini, originaria di Fiuminata e residente a Treia, non solo gioca a calcio da 25 anni ma è anche il capitano della prima squadra della Yfit, squadra femminile di Macerata.

Marina, cosa fa oltre a giocare a calcio?
«Studio, sto facendo l’Università, in particolare la facoltà di Veterinaria. Inoltre mi occupo di decorazioni artistiche».

Quando ha iniziato a giocare a calcio e in che ruolo gioca?
«Ho iniziato a 14 anni e sono una centrocampista».

Come mai ha scelto di giocare a calcio?
«La mia è una famiglia di calciatori da generazioni, mio padre, mio fratello, mio nonno, tutti calciatori. Li seguivo nei campi da calcio».

marina_yfit_-2-163x300In quali squadre ha militato?
«Ho giocato all’inizio con Macerata poi un anno con la serie a Ascoli, a seguire San Severino e Multimarche Montecassiano. Eravamo sempre lo stesso gruppetto. Quando le squadre di calcio sono quasi scomparse ci siamo dedicate al calcetto e al calcio 5 col real Macerata e il Cus. Ora ci siamo lanciate nell’avventura Yfit che ci fa sperare in una ripresa del calcio marchigiano»

Com’è fare uno sport ” da uomini”?
«Credo che sia ora di superare gli stereotipi. Adesso la situazione sta migliorando decisamente rispetto ai primi anni. Lo sport è bello, molto. Tecnicamente la donna può essere uguale al maschio poi è innegabile che ci sono differenze fisiche, come la potenza e la velocità. Una ragazzina che approccia al calcio purtroppo deve ancora fare i conti con una società dalla mentalità un po’ ristretta ma ultimamente inizia a non esserci in più il forte divario che c’era in passato. Basti pensare che quando ho iniziato io la ragazzina che giocava al calcio era una rarità adesso invece ci sono persino interi settori giovanili in rosa».

Quanto hanno influito gli ottimi risultati ottenuti di recente dalla nazionale di calcio femminile?
«Moltissimo perchè a livello di visibilità il calcio femminile era sotto zero, invece la nazionale, grazie ai risultati, è riuscita ad ottenere un bel seguito e per tutto il settore è stata una bella promozione».

Mariti, compagni e fidanzati vi seguono in questa avventura?
«Certo, mostrano interesse e passione, lo stesso che ci sarebbe stato da parte nostra per loro».

Cosa direbbe a una ragazza che inizia adesso o che vuole iniziare un percorso nel calcio?

«Direi che lo sport, specialmente se di squadra, è bellissimo e di non rinunciare per nulla al mondo. Ti insegna il rapporto con gli altri, il rispetto delle regole, a interagire a livello sentimentale , a condividere vittorie, sconfitte e anche semplicemente gli allenamenti. Il calcio è una passione e per esperienza dà veramente tanto».

Quanti gol ha segnato nella sua carriera?
(Ride)«Non li ho mai contati ma sono stati tanti».

Qual è la partita che ricorda con più affetto?
«La vittoria delle fasi regionali della Coppa Italia nel campionato umbro, lo scorso anno. Perdevamo due a zero e siamo riusciti a ribaltare il risultato».

Cosa è cambiato dopo il Covid-19? Vi state allenando?
«Purtroppo no, è tutto molto incerto quindi per ora stiamo cercando con la società di far ripartire le più piccole in occasione dei camp estivi. Sono occasione di ripartenza per lo sport ma anche per avvicinarsi al calcio e per stare all’aria aperta. Partiranno da lunedì 29 giugno, la prima settimana sarà di calcio al femminile poi proseguiremo per 5 settimane. In quella occasione riprenderemo anche gli allenamenti»

Al via l’Experience Football Camp, sport e divertimento a Collevario

Camp di calcio femminile a Collevario E il lunedì è gratis

 

Alessandra Pierini
Scritto da

mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.