Book fotografico e tesina su Cesare Pavese:
premiato l’istituto “Bonifazi”

0

CIVITANOVA – Ragazzi e ragazze protagonisti dei “Colloqui fiorentini”, in edizione online causa Coronavirus

sede-centrale-istituto-bonifazi-civitanova

La sede centrale dell’istituto “Bonifazi” di Civitanova

Gli studenti e le studentesse civitanovesi continuano ad essere protagonisti dei “Colloqui fiorentini”, il concorso letterario che ogni anno vede la partecipazione di circa tremila alunni ed alunne, non solo italiani (quest’anno in gara c’erano anche inglesi e belgi). I ragazzi e le ragazze dell’istituto “Virginio Bonifazi” hanno ottenuto, infatti, premi e menzioni speciali. Quest’anno, l’edizione dei Colloqui, dedicata allo scrittore Cesare Pavese, non si è tenuta in presenza, causa Coronavirus. I giovani hanno partecipato seguendo da casa due giorni di conferenze e seminari. Gli studenti e le studentesse del “Bonifazi”, guidati dai professori Patrizia Patrizi, Rachele Bella, Milena Marzialetti, Vincenzo Izzo e Dante Albanesi hanno conseguito due importanti risultati. Il terzo premio della sezione arte e grafica per uno splendido book fotografico, “Solitudini e muri. Pavese racconta anche noi”, realizzato con la supervisione del professor Izzo, attualmente docente all’Accademia delle Belle Arti di Sassari, e una menzione d’onore per una delle loro tesine, “Solitudine e incontro, Pavese racconta anche noi”: un riconoscimento notevole, per un istituto tecnico, considerata anche la difficoltà dell’autore.

Gli alunni e le alunne premiati per il book e la tesina sono Katerina Clarizio, Valentina Del Bianco, Beatrice Ancilotti, Alessandro Fratini e Andrea Bufalini. Il dirigente scolastico dell’istituto “Bonifazi”, Claudio Bernacchia, si è voluto complimentare via mail con i suoi studenti e studentesse ed i loro insegnanti, per i risultati conseguiti e per «la volontà di partecipare comunque all’evento fiorentino e quindi di essere presenti a questo importante appuntamento con la cultura». «Il premio che avete ricevuto – conclude Bernacchia, rivolgendosi in particolare ai ragazzi e alle ragazze – è una conferma della vostra capacità di saper rielaborare quanto apprendete a scuola e dimostra come siate in grado di mettere in campo le vostre abilità creative ed espressive; ciò vi fa onore e rappresenta un continuo stimolo per voi ad “andare oltre”, ad approcciarsi al mondo con spirito critico, curiosità e voglia di conoscenza». Questi i nomi degli altri ragazzi del “Bonifazi” che hanno partecipato al concorso: Noemi Mochi, Lara Baiocco, Amhed Jouini, Lorenzo Fermani, Agnese Balestrini, Francesco Superiori, Houda Hazili, Federica Petrocchi, Vivian Lagji, Elena Carletti, Francesca Esposito, Valentina Bordicchia, Vera Castignani, Eleonora Galiè, Martina Gandolfi, Francesca Ruggeri, Sara Muca e Camilla Quintabà.

Scritto da



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.