«Ultimo giorno di scuola nei cortili»
Recanati dice sì al desiderio delle classi

0

L’ASSESSORA Rita Soccio ha scritto ai presidi degli istituti comprensivi Gigli e Badaloni per una risposta ufficiale: «Proviamoci, c’è anche l’ok dell’Ufficio tecnico». Le famiglie si erano rivolte anche alla ministra Azzolina

Alunni-scuole-Recanati-nella-giornata-della-gentilezza-21-settembre-2019-1-1024x621

Bambini e bambine insieme nel cortile (foto della Festa della gentilezza del 2019)

Un sogno che si avvera: salutarsi l’ultimo giorno di scuola. A realizzarlo per le alunne e gli alunni delle quinte elementari e le terze medie degli istituti comprensivi di Recanati Gigli e Badaloni è stato il lavoro di squadra partito dai genitori e finito con l’ok del Comune, per voce dell’assessora Rita Soccio. L’ufficialità ancora manca perché le scuole devono rispondere alla lettera inviata oggi dal Comune, ma anche i presidi sarebbero dell’idea di concedere alle classi un’ultima reunion prima di affrontare l’avventura del successivo percorso di studi.

A Recanati quindi il 6 giugno allo scoccare dell’ultima campanella dell’anno scolastico in corso, le alunne e gli alunni delle classi terminali delle scuole recanatesi, della scuola primaria e secondaria di primo grado, si ritroveranno con i loro insegnanti nei cortili delle rispettive scuole e finalmente si potranno guardare di nuovo negli occhi e salutarsi. Le scuole nelle Marche sono chiuse dal 26 febbraio a causa del coronavirus.

rita_soccio

Rita Soccio

«Dopo aver sentito sindaco e Giunta ho chiesto anche all’Ufficio tecnico, che mi ha risposto che non ci sono problemi – spiega Soccio -. Se si riesce a organizzare si fa, perché le scuole hanno spazi molto ampi all’esterno e quindi è fattibile. Ovviamente con l’uso delle mascherine e del distanziamento. Il mio quindi è stato più che altro un invito alle scuole che ora risponderanno».

Tutto era partito da una lettera dei genitori della classe quinta della Badaloni, che avevano scritto anche alla ministra Azzolina e al governatore Luca Ceriscioli proprio per chiedere di esaudire il desiderio dei figli di incontrarsi per l’ultimo giorno di scuola, prima del passaggio alle medie. Un modo per salutare anche gli insegnanti che li hanno accompagnati in questi anni.

 

«Un ultimo giorno di scuola per la quinta»: i genitori scrivono alla ministra Azzolina

 

Scritto da



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.