Tour nelle scuole per “PlayMarche”,
l’app che parla il linguaggio dei giovani

0

TECNOLOGIE DIGITALI – L’app attraverso cui è possibile arrivare a ragazzi e ragazze attraverso l’utilizzo di linguaggi più “giovanili”, continua il suo tour nelle scuole della provincia.

Michele Spagnuolo, amministratore delegato PlayMarche s.r.l.

«PlayMarche», l’applicazione realizzata dall’università di Macerata e dall’azienda PlayMarche s.r.l. con la collaborazione di 15 comuni del maceratese e il supporti di numerose aziende, prosegue il suo tour di presentazione nelle scuole della provincia, dopo aver già toccato le scuole primarie e secondarie di Appignano e di Montefano nei mesi di settembre e ottobre. Si tratta di un’app gratuitamente scaricabile, dedicata ai ragazzi e alle ragazze desiderosi di approfondire la storia e i personaggi della provincia di Macerata direttamente dal loro smartphone o tablet. È certamente un’esperienza unica nel suo genere, perchè permette ai giovani di arricchirsi e imparare “giocando”. L’esperienza non si limita solo al mondo online: ogni giocatore, infatti, potrà approfondire gli argomenti visionati nell’app con contenuti extra, realtà aumentate e ricostruzioni 3D visitando il sito www.dce.playmarche.com. Oggi è disponibile per dispositivi Android, ma a breve sarà presentata anche la versione ottenibile tramite Apple Store.

Una fase del gioco “PlayMarche”

«Una bella occasione per incontrare le scuole del nostro territorio – spiega Michele Spagnuolo, amministratore delegato di PlayMarche s.r.l. – veicolando in maniera differente e accattivante le icone storiche della nostra provincia. Crediamo fortemente nell’edutainment come veicolo di cultura, di incoming turistico e di nuova fruizione dei saperi. Abbiamo già richieste da altri comuni che vogliono entrare nel network di PlayMarche – ha dichiarato – Questo ci riempie di orgoglio e ci stimola a continuare nelle attività di promozione e valorizzazione attraverso le nuove tecnologie».

Anche Roberto Perna, professore dell’università di Macerata, ha voluto sottolineare l’importanza dell’incontro tra la volontà di diffondere conoscenze e i nuovi dispositivi tecnologici: «Valorizzare il bagaglio culturale è compito di quelle discipline di natura umanistica che vengono studiate presso l’Università di Macerata – ha affermato – ma questi valori possono oggi essere meglio individuati, analizzati e comunicati anche attraverso l’uso delle più moderne tecnologie. Per questo è importante la realizzazione di progetti come “PlayMarche” – ha continuato il coordinatore del progetto di Distretto Culturale PlayMarche 2.0 – per rendere fattiva l’idea di un ‘umanesimo che innova».

Oggi il concetto di apprendimento generico non è più sufficiente, perchè attrarre l’attenzione dei ragazzi e delle ragazze sta diventando un’impresa sempre più ardua. Federica Arcangeli, assessore alla cultura del comune di Appignano, esprime a riguardo l’impellente necessità di “parlare la loro lingua”: «Per parlare ai più giovani e richiamare la loro attenzione occorre sempre più usare linguaggi e strumenti loro vicini. Per questo, abbiamo chiesto a PlayMarche di organizzare due appuntamenti, in grado di poter presentare in prima persona cosa siano i “Coccià” di Appignano e come sia possibile valorizzare “Leguminaria” o il “Bellente” attraverso un’app”.

L’assessore alla cultura del comune di Appignano Federica Arcangeli

Il sindaco di Appignano Mariano Calamita

Marco Rossi, Rainbow Applicazioni “PlayMarche”

Diego Mecenero, Eli Storyboard “PlayMarche”



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.