La superficie lunare vista
dal terrazzo di Palazzo degli Studi

0

MACERATA – “Scienza in città”, prosegue la rassegna a cura del Liceo Scientifico e dell’associazione “Amici del Liceo Galilei. Prossimo appuntamento una passeggiata naturalistica alla scoperta del paesaggio maceratese e della sua formazione

L’osservazione delle stelle dalla terrazza di Palazzo degli Studi

I fenomeni della natura  e le leggi dell’armonia, sono state oggetto dell’ultimo incontro dedicato a Galileo Galilei nell’ambito della rassegna “Scienza in città”. Gli incontri di divulgazione scientifica sono iniziati lo scorso 29 marzo,e  venerdì scorso, 10 maggio, a Macerata la nuova serata a cura del Liceo Scientifico e dell’Associazione “Amici del Liceo Galilei” è iniziata alle 17,30 al teatro della Filarmonica, con  il professor Patrizio Bronzi che ha illustrato il funzionamento di un orologio “galileiano”, con meccanismi in legno, realizzato a cura dello stesso docente attenendosi ai disegni originali del Galilei.

Il professor Patrizio Bronzi con l’orologio galileiano

A seguire hanno preso la parola le docenti Lucia Tancredi, Maria Luisa Busa e Francesca Violoni, coadiuvate da alunni ed alunne dello Scientifico, dissertando intorno agli scritti ed alle attività di Galileo e del padre Vincenzo Galilei, musicista letterato e teorico della Camerata fiorentina dei Bardi, il quale fu fondamentale nello spingere il figlio a ricercare nei fenomeni della natura le leggi dell’armonia, fatte di proporzioni e rapporti di carattere matematico.

La professoressa Lucia Tancredi

Il prof. Francesco Giacchetta, poi, ha parlato del pensiero galileiano ponendo l’accento sull’armonia dei saperi, alla luce di un accordo tra umanesimo e scienza, sempre più attuale ed urgente. Il Liceo Scientifico, già nella definizione di Giovanni Gentile, nasce con la vocazione di essere liceo moderno, capace di unire la cultura umanistica e quella scientifica.

Il secondo appuntamento della serata ha visto riunirsi, dalle 21 in poi, molta gente sul terrazzo del Palazzo degli Studi, in piazza Cesare Battisti. Da quel luogo magico che sovrasta l’intera città, con l’ausilio di tre differenti telescopi, sotto la guida accorta ed appassionata del prof Angelo Angeletti, i cittadini intervenuti, curiosi ed interessati neofiti dell’astronomia, hanno potuto esplorare la superficie lunare quasi come se fossero a bordo di una navicella spaziale orbitante intorno al nostro satellite.

Prossimi appuntamenti di “Scienza in città”: Venerdì 17 maggio alle 17,30 in Filarmonica si terrà una conferenza sul tema “Batteri, Virus e Vaccini”, che vedrà come relatori il pro. Guido Favìa, direttore della Scuola di Bioscienze dell’Università di Camerino, la professoressa Simonetta Regoli, docente di scienze al Liceo Galilei, ed il dottor Paolo Francesco Perri, direttore dell’Unità di Pediatria Asur-AV3. L’argomento che sarà trattato è: “Batteri, virus, e vaccini: perché difendersi, quando difendersi, come difendersi”. Un argomento di estremo interesse e di straordinaria attualità, che non mancherà di appassionare sia chi è già “grande e vaccinato”, sia chi si trova nella condizione di dover decidere per la salute dei più piccoli.

Domenica 19 maggio, alle 10, tutti in piazza Cesare Battisti per l’ultimo appuntamento della rassegna “Scienza in città”: una passeggiata naturalistica alla scoperta del paesaggio maceratese e della sua formazione. Dapprima ci si troverà, in compagnia del prof. Bronzi, all’interno dei laboratori del Liceo Scientifico (Palazzo degli Studi) ad esaminare al microscopio la natura del terreno su cui sorge Macerata (osservazione dei lavati per micropaleontologia). Ci si trasferirà poi sul terrazzo del Palazzo degli Studi, in compagnia del prof. Antinori, per ammirare il paesaggio maceratese e poterlo confrontare con quello immortalato un centinaio di anni fa nelle foto del Cav. Balelli. A seguire passeggiata verso Fonte Maggiore per esaminare la tipologia del terreno su cui sorge Macerata. Due giornate da non dimenticare.



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.