“Tutta scena nell’era digitale?!”
Progetto con i ragazzi
per un approccio consapevole al web

0

APPIGNANO – Al via il percorso realizzato dall’associazione Red e patrocinato dal Comune con la collaborazione dell’istituto comprensivo Dell Robbia. Primo appuntamento per gli studenti sabato con “Social network e responsabilità giuridiche”

RED_PierinaSpurio_Messi_Danieli_FF-3-650x432

Da sinistra: Daniela Zepponi, Pierina Spurio, Osvaldo Messi e Raffaele Daniele

 

RED_PierinaSpurio_Messi_FF-1-650x432

di Mauro Giustozzi

(Foto di Fabio Falcioni)

Quattro appuntamenti, otto argomenti affrontati, otto relatori che si confronteranno con la platea di studenti dell’istituto comprensivo Della Robbia di Appignano. Sono i numeri di ‘Tutta scena nell’era digitale?!’ il progetto realizzato dall’associazione Red (Rete educazione digitale) e patrocinato dal Comune di Appignano con la collaborazione dell’istituto comprensivo. Un’iniziativa per comprendere meglio rischi ma anche benefici che possono venire dalla assidua frequentazione della rete e dei social media da parte dei giovani che sono nati in quest’era digitale. Ma anche un momento di approfondimento di temi delicati, magari molti sconosciuti a chi è abituato ad accendere il pc o sempre più lo smartphone, e mettersi a viaggiare nella rete.  «Come amministrazione abbiamo accolto molto favorevolmente questo progetto che abbiamo subito sposato –ammette il sindaco Osvaldo Messi- e che, come accaduto con il regolamento adottato sul gioco d’azzardo, rappresenta una sorta di sperimentazione che speriamo possa essere copiata in altri comuni. C’è un tema che lega tutte queste iniziative ed è la sicurezza. Che non è più quella tradizionale, ancorché attuale, della lotta alla microcriminalità o al degrado dei nostri territori. Finora sotto questo aspetto c’è stata una minore sensibilità sul digitale che molti vedono come un mondo virtuale a se stante. E invece ciò non è affatto vero, perché l’uso e l’utilizzo quotidiano di strumenti informatici deve essere fatto avendo grande attenzione ed un giusto approccio. Cosa che questo progetto vuol provare ad inculcare nei nostri giovani».

RED_Danieli_FF-5-650x575 Tra le protagoniste di uno degli incontri previsti con gli studenti del Della Robbia nel fitto calendario stilato c’è anche Daniela Zepponi, digital strategist freelance e blogger. «Già il Comune di Appignano è molto attivo sulla rete attraverso il suo sito ufficiale e con l’apertura di un “Appignano Shop Vetrina” dedicato alle attività commerciali –afferma la Zepponi- ma c’è in progetto di ampliare l’offerta online con la cultura digitale attraverso pagine dedicate alla ceramica che rappresenta il territorio. Questo progetto che mette in rete scuola, Comune e associazione Red ha l’obiettivo di lavorare sull’educazione digitale di tanti giovani in modo da renderli consapevoli di come utilizzare al meglio lo strumento. E questo, in seconda battuta riguarderà pure genitori e famiglie che talvolta necessitano ancor più dei loro figli di avere piena consapevolezza di rischi e potenzialità dello strumento digitale». Protagonista del progetto è sicuramente l’associazione Red (Rete educazione digitale) nata pochi mesi fa e già molto attiva su temi così delicati ed importanti soprattutto per ragazzi che sempre in età più bassa iniziano ad utilizzare telefoni e smartphone connessi alla rete internet. «Questo è il nostro primo vero e proprio progetto –ha affermato Raffaele Daniele, presidente di Red- che coinvolgerà studenti, docenti e genitori sia in incontri che in laboratori successivi in cui saranno approfondite le tematiche. Al termine di questo percorso saranno poi gli studenti stessi che indicheranno ai propri genitori quali sono le buone pratiche digitali da usare per avere un approccio consapevole alla rete».

RED_PierinaSpurio_Messi_Danieli_FF-4-650x432Alla presentazione dell’iniziativa non poteva mancare il dirigente scolastico del comprensivo Della Robbia, Pierina Spurio. «E’ una sfida educativa non facile –ha detto la preside- sicuramente importante per i ragazzi ma anche molto formativa per i nostri docenti che spesso vedono la rete come un ostacolo all’insegnamento. Questa sarà l’occasione anche per loro di fare un passo in avanti nella conoscenza e nell’approcciarsi in modo diverso al mondo digitale». Il progetto prenderà il via sabato prossimo con “Social network e responsabilità giuridiche” tema affrontato dall’avvocato Alessia Marzoli e “Smartphone, questo sconosciuto: segreti e virtù” a cura di Emilio Luchetta perito per le aree Digital Forensics. Il 25 novembre sarà la volta di “Violenza di genere: online e offline’” di cui parlerà Emanuela Marini legale esperto in diritto di famiglia, “#Cose belle del web: la mia seconda opportunità online” con la blogger Daniela Zepponi e “Come fare una ricerca sul web” tema affrontato da Maria Paola Tesei presidente dell’associazione Via Libera. Il 30 novembre il presidente di Red, nonché ispettore della polizia postale di Macerata, Raffaele Daniele, tratterà di “Rischi e pericoli della rete: i fenomeni delittuosi più diffusi che vedono come vittime i minori” cui seguirà Paolo Nanni comunicatore dell’Asur su “Usi e abusi dell’era digitale”. Il 14 gennaio 2018 l’ultimo incontro sarà dedicato a “Si selfie chi può. Educarsi nell’era digitale” con Lorenzo Lattanzi presidente regionale Aiart.

RED_PierinaSpurio_Messi_Danieli_FF-2-650x432

Scritto da



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.