Scienza, tecnologia,
ingegneria e matematica
solo per ragazze

0

MACERATA – Al via a settembre all’istituto Mestica attività destinate alle studentesse che vogliono avvicinarsi e approfondire il mondo della scienza attivati grazie al bando promosso dal miur e dal Ministero per le pari opportunità. Le iscrizioni sono aperte fino al 12 agosto e si svolgeranno nella scuola primaria S. D’Acquisto

lente-dingrandimento-con-fiori

Sai cosa sono le Stem? Questo termine deriva dall’inglese e contiene  Science, Technology, Engineering and Mathematics, in italiano scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. In un unico termine insomma ci sono più materie che, secondo le statistiche, sono poco studiate dalle ragazze.  in Italia, solo il 12,6% delle studentesse sceglie materie scientifiche o tecnologiche all’università, ma anche nel resto del mondo la situazione non è diversa.
A Macerata l‘ Istituto comprensivo Enrico Mestica in collaborazione con il Liceo scientifico G. Galilei e con l’università di Camerino avvierà un progetto per avvicinare le studentesse a queste materie che nell’immaginario collettivo sono maschili.
Si chiama “Explorer lab” ed è risultato vincitore tra i progetti avviati per colmare il gap di genere nella cultura scientifica per il bando “In estate si imparano le stem” Campi estivi di scienze, matematica, informatica e coding”. Il progetto, finanziato con i fondi del Dipartimento per le Pari opportunità, prevede la realizzazione dal 4 al 14 settembre prossimo di laboratori di scienze, matematica, robotica, stampa 3D e coding presso la scuola primaria S. D’Acquisto destinati soprattutto a bambine della scuola primaria e a studentesse della scuola secondaria di I grado.
Le attività laboratoriali, proposte con un approccio ludico e cooperativo, hanno l’obiettivo di avvicinare il genere femminile alle materie scientifiche ed alla tecnologia, coinvolgendo le studentesse in attività di logica, di pensiero computazionale e di analisi.

La scuola ha Ragazza-bambina-scienziatapartecipato a questo bando che segue l’ iniziativa dell’8 marzo scorso e, cioè, la seconda edizione de “Il mese delle Stem”, un mese per sensibilizzare le ragazze e le bambine allo studio della matematica, delle scienze, delle tecnologie, e stimolare il dibattito pubblico sulla necessità di ridurre il gap femminile in ambito scientifico.L’iniziativa frutto di una collaborazione tra il Dipartimento per le Pari opportunità e il Ministero dell’Istruzione, università e ricerca, ha avuto e avrà l’obbiettivo di promuovere il gender mainstreaming attraverso la partecipazione delle ragazze alle attività di studio e di  ricerca in ambito scientifico e tecnologico.In Italia il programma Nuvola Rosa di Microsoft sta coinvolgendo più di 1500 ragazze in corsi gratuiti di formazione digitale e la casa editrice Erickson ha da poco lanciato un progetto editoriale legato alle Stem il cui primo volume, Hello Ruby, ha per protagonista una bambina dai capelli rossi che introduce le piccole lettrici al “pensiero computazionale” riscuotendo un successo mondiale. E’ stata comunque la Columbia University che ha iniziato questo lavoro ed ha organizzato un tour per le principali città americane, coinvolgendo centinaia di ragazze in corsi intensivi di Stem grazie a fondi messi a disposizione dal National Geographic, da Goldman Sachs e dalla stessa Microsoft.

A Macerata le studentesse che vogliono partecipare ai laboratori Stem, previsti per il mese di settembre, possono farlo consultando il sito dell’Istituto comprensivo E. Mestica di Macerata e consegnando entro il 12 agosto il modello di iscrizione alla segreteria della scuola, sita in viale Don Bosco, 55, nell’Istituto salesiano.



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.