Sarnano riparte dalla scuola
i volontari incontrano gli studenti

0

PER NATALE – Gli alunni del Comune colpito dal sisma hanno partecipato a una giornata di festa con le forze di soccorso che hanno operato in questi mesi. La dirigente Maura Ghezzi: “La solidarietà non si insegna con belle parole ma con esempi concreti”

L’incontro di Sarnano con gli alunni

A Sarnano come in molti altri centri delle Marche sottoposti alla faticosa prova del terremoto, il futuro riparte dai banchi di scuola. Gli studenti di Sarnano incontrano le forze di soccorso che hanno operato nel Comune. Il 22 dicembre nell’aula magnadel liceo scientifico, alla presenza del sindaco Franco Ceregioli gli alunni dell’istituto hanno incontrato la Croce Rossa di Sarnano, la Croce Rossa Italiana Riccò del Golfo, il Comune Riccò del Golfo, la Croce Verde di Pignone, il Comune di Pignone, la Croce Bianca di Monterosso al Mare, il Comune di Monterosso al Mare, la Croce Verde di Vernazza, la Croce Verde di Corniglia, la Croce Verde di Manarola, la Croce Bianca di Riomaggiore.

Alcuni dei volontari che hanno operato a Sarnano

Il dirigente Maura Ghezzi ha sottolineato l’importanza della presenza di tutti questi enti e della loro sensibilità nel porre le basi per il ritorno alla normalità e per una coraggiosa ripartenza nel segno della sicurezza e della cooperazione. «Tutti hanno posto un tassello della scuola, simbolo della nostra comunità». Alcune associazioni hanno fatto dei regali per donare un sorriso ai bambini dell’Infanzia e della Primaria, doni che hanno costituito un esempio per i giovani alunni, testimoni di straordinarie prove di solidarietà, collaborazione e amicizia. «Il valore della solidarietà non si insegna con belle parole ma con esempi concreti – ha sottolineato il Dirigente nel suo ringraziamento – non potevamo trasmettere ai nostri bambini un insegnamento più nobile e significativo, ancora più importante di qualsiasi conoscenza disciplinare». Un doveroso ringraziamento anche per tutti i docenti, impegnati con costanza, scrupolosità ed estrema disponibilità nell’educazione e nella formazione delle nuove generazioni.

Lo scambio di regali

Gli alunni della IA e IB della scuola secondaria hanno letto delle lettere sulla loro personale esperienza legata al terremoto, un’alunna di seconda ha espresso sinceri e commossi ringraziamenti, mentre due alunni delle terze hanno interpretato un breve racconto scritto dagli alunni del IV liceo scientifico di Sarnano. Su invito del presidente della Croce Rossa di Sarnano Adriano Conti, è stato presentato il progetto “Ripartiamo dalla scuola… oltre la paura”, per condividere e rielaborare in senso propositivo le esperienze degli alunni durante il sisma. L’iniziativa prevede la collaborazione tra alunni, insegnanti, associazioni di volontariato e amministrazione locale per dare espressione ai vissuti emotivi legati agli eventi sismici e per riflettere sul valore della partecipazione e della solidarietà. «Siamo convinti – ha sottolineato la professoressa Simona Sargolini – che non ci sia modo migliore di imparare che quello di fare esperienza ed i nostri ragazzi, pur vivendo questa triste occasione, hanno potuto toccare con mano ciò che significa solidarietà. Prendendo in prestito lo slogan del rettore dell’Università di Camerino, anche noi diciamo “Il futuro non crolla».



Lascia un commento