Valentina Ugolinelli


Utente dal
24/3/2010


Totale commenti
7

  • Pievebovigliana e Fiordimonte
    si preparano per la fusione

    1 - Gen 31, 2012 - 16:29 Vai al commento »
    Un plauso al segretario comunale a cui va gran parte del merito!
  • Boom dei libri “made in Macerata”
    Ma si vendono le ricette della Parodi

    2 - Dic 21, 2010 - 13:55 Vai al commento »
    Per grandi e piccini aggiungerei la favola di Carlo Scheggia "Osvaldo ed il tartufo" in vendita alla Bottega del Libro
  • La Lega Nord Tolentino:
    “Salvaguardiamo a scuola
    le tradizioni natalizie”

    3 - Nov 12, 2010 - 13:21 Vai al commento »
    L'intervento della Lega Nord oltre ad essere coerente con la linea del partito e con quella di tutta la maggioranza di governo la quale nei provvedimenti riguardanti le politiche di immigrazione mai cita la parola "integrazione" tradisce anche una mancata conoscenza di cio' che sempre la "sua" conpagnine di governo compie. Infatti forse finge di non sapere che i tagli alla scuola e la consegunete drastica riduzione dell'offerta formativa voluti dalla coppia di fatto Gelmini/Tremonti farà si, ad esempio alle elementari, le poche ore che rimangono di lezione saranno sfruttate per priorità, quindi insegnare a leggere e a scrivere, con conseguente stralcio di qualsiasi programmazione di recita, in primis quelle natalizie. Quando si dice la fortuna dei principianti!!!
  • Paperoni e poveri cristi
    Ecco gli stipendi
    degli italiani

    4 - Ott 1, 2010 - 11:23 Vai al commento »
    Dipendente regionale, categoria B (laureata), direi ricandente in quella che qui viene chiamata "dipendente normale" 1.100,00 euro al mese netti.
  • Maxi blitz nei meandri dell’Hotel House:
    3 arresti, 11 denunce e 10 espulsioni

    5 - Giu 15, 2010 - 11:20 Vai al commento »
    Personalmente mi sentirei piu' sicura e piu' rispettata se la Guardia di Finanza facesse altri tipi di visita, in altri luoghi, insospettabili dove il bottino ammonterebbe sicuramente ad una cifra maggiore a 20.000 euro.
  • Tamara Moroni: “Non è vero
    che a Macerata siamo
    brutti, sporchi e cattivi”

    6 - Mar 25, 2010 - 12:35 Vai al commento »
    Riporto all'attenzione la mia risposta a Francesca D'Alessandro in merito al concetto di "cattivi", per i "brutti" ci ha già pensato Tamara Moroni. Cara Francesca, approffitto di questa tua critca nei confronti delle politiche per l’infanzia, per ricordare a tutti che negli ultimi 9 anni la ricettività degli asili nido comunali è passata da 73 posti disponibili a 128, e questo anche grazie alla nascita di un nuovo asilo nido il “Gian Burrasca”, primo esempio a Macerata di asilo nido aziendale pubblico. Questo si è andato ad aggiugere agli altri 4 asili nido comunali. Proprio in virtu’ del fatto che l’assessorato di competenza ha a cuore il tema della concializione dei tempi di vita e di lavoro, il comune è riuscito a finanziare, grazie a fondi europei, l’ampliamento dell’offerta formativa di ben 3 asili nido (su 5) accogliendo i bambini dalle 8 alle 12.30 il sabato e posticipando la chiusura alle 18 nei restanti giorni. Accanto a questi asili nido comunali esistono, come tu ben sai, valide strutture private che, sostenute in parte anche dal comune, permettono a ogni famiglia maceratese di avere una risposta rispetto alle proprie esigenze. Il vero problema per le famiglie maceratesi, e non solo, sara’ quando queste dovranno iscrivere gli stessi bambini in prima elementare e si accorgeranno che l’offerta formativa non prevederà piu’ nè il tempo pieno nè le 30 ore, bensì un orario modulato sulle24 ore con uscita alle 12.30. Ma quello che mi stupisce di piu’ è che qui a Macerata l’intervento del pubblico sia sempre invocato a gran voce da quella parte politica che invece per sua natura e cultura dovrebbe auspicare ad una sempre maggiore privatizzazione dei servizi in nome di una supposta maggiore qualità dei servizi stessi
  • Francesca D’Alessandro:
    “Un aiuto alle mamme che lavorano”

    7 - Mar 24, 2010 - 18:49 Vai al commento »
    Cara Francesca, approffitto di questa tua critca nei confronti delle politiche per l'infanzia, per ricordare a tutti che negli ultimi 9 anni la ricettività degli asili nido comunali è passata da 73 posti disponibili a 128, e questo anche grazie alla nascita di un nuovo asilo nido il "Gian Burrasca", primo esempio a Macerata di asilo nido aziendale pubblico. Questo si è andato ad aggiugere agli altri 4 asili nido comunali. Proprio in virtu' del fatto che l'assessorato di competenza ha a cuore il tema della concializione dei tempi di vita e di lavoro, il comune è riuscito a finanziare, grazie a fondi europei, l'ampliamento dell'offerta formativa di ben 3 asili nido (su 5) accogliendo i bambini dalle 8 alle 12.30 il sabato e posticipando la chiusura alle 18 nei restanti giorni. Accanto a questi asili nido comunali esistono, come tu ben sai, valide strutture private che, sostenute in parte anche dal comune, permettono a ogni famiglia maceratese di avere una risposta rispetto alle proprie esigenze. Il vero problema per le famiglie maceratesi, e non solo, sara' quando queste dovranno iscrivere gli stessi bambini in prima elementare e si accorgeranno che l'offerta formativa non prevederà piu' nè il tempo pieno nè le 30 ore, bensì un orario modulato sulle24 ore con uscita alle 12.30. Ma quello che mi stupisce di piu' è che qui a Macerata l'intervento del pubblico sia sempre invocato a gran voce da quella parte politica che invece per sua natura e cultura dovrebbe auspicare ad una sempre maggiore privatizzazione dei servizi in nome di una supposta maggiore qualità dei servizi stessi. Ti saluto
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy