Romina Germani


Utente dal
2/8/2013


Totale commenti
1

  • Notte dell’Opera
    Una città sotto assedio

    1 - Ago 2, 2013 - 20:38 Vai al commento »
    Amo l'Opera, l'amo fin da quando ancora in fasce ascoltavo le musiche di Mascagni, Puccini, Verdi... ricordo la mia prima volta allo Sferisterio: il Nabucco del 1981. Avevo letto il libretto e ascoltato una registrazione per essere pronta a godere dello spettacolo dal vivo. Devo ringraziare i miei genitori per questa sana abitudine, che non mi ha mai abbandonato in tanti anni e mi ha regalato infinite emozioni. Ieri sera ero in Corso Cairoli, non da spettatrice. Ero uno dei tanti piccoli tasselli di questo grande puzzle che è la Notte dell'Opera, fiera nella mia imperfezione di aver contribuito alla riuscita della Festa, felice di vedere una città pulsante e viva. Certo che l'evento può essere migliorato, ci mancherebbe altro, e le "critiche costruttive" dovrebbero servire proprio a tale scopo.  Non sono una rockettara, quindi è chiaro che anche io vorrei sentire più arie e cabalette rispetto a chitarre elettriche e batterie, ma pensate che sia  facile coordinare così tanti gruppi diversi di artisti? Se per una notte si crea un po' di inevitabile allegra confusione non credo che Micheli vada messo al rogo, tanto per rimanere in tema verdiano. Dal primo luglio non c'è stato un solo giorno privo di qualche iniziativa culturale, occasioni per ascoltare buona musica e tanto altro. Tante le iniziative rivolte ai giovani e ai giovanissimi e questo mi rallegra, perché attraverso il gioco si stimola la curiosità e la curiosità spinge a conoscere e alla fine ad amare la lirica. Lunga vita dunque a questo direttore artistico! Ce ne fossero di persone capaci di lavorare per la città con quella passione e con quel suo entusiasmo contagioso; evidentemente qualcuno ha subito una "vaccinazione", quindi non riesce ad apprezzare...... mi dispiace ;-)
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy